POZZUOLI – Nel giorno dell’iscrizione della squadra al campionato di serie D il presidente Emanuele Casapulla trova l’ennesimo motivo per attaccare giornali, giornalisti e ambiente. Dopo il caos mediatico dello scorso anno e le “purghe” che hanno azzerato tutte le figure societarie, i litigi con i calciatori, gli attacchi all’amministrazione comunale, con la quale i rapporti sono men che zero, e dopo aver “cacciato” ormai tutte le figure legate alla città di Pozzuoli (forse per preparare il terreno e portare la squadra  altrove?), Casapulla riparte da dove aveva finito, ovvero attaccando chi racconta i fatti e le sue performance (sotto gli occhi di tutti). Un vezzo per il giovane rampollo della famiglia di Volla e fratello del più noto Salvatore Casapulla, dirigente finito qualche anno fa in un giro di calcio scommesse.

L’ISCRIZIONE – Ma veniamo ai fatti odierni. La Puteolana 1902, attraverso un comunicato stampa, ha fatto sapere “ai propri sostenitori e agli organi di stampa di aver versato l’importo dovuto e di aver depositato in Federazione nella giornata odierna la pratica d’iscrizione valida per l’ammissione della prima squadra al Campionato di Serie D per la stagione sportiva 2020/2021. La società ci tiene a specificare che la quota d’iscrizione versata alla Lega Nazionale Dilettanti è comprensiva anche del pagamento delle vertenze spettanti all’allenatore Pierfrancesco Ulivi. Da oggi -si legge nella nota- inizieremo a concentrarci ancora di più sul lavoro che dirigenza e staff tecnico dovranno affrontare per arrivare preparati e nelle migliori condizioni possibili per affrontare un’annata che si prospetta entusiasmante e sicuramente ricca di sfide.”

L’ATTACCO – “In una piazza come quella di Pozzuoli, dove sappiamo quanto l’apporto del pubblico e dei tifosi è fondamentale, avevamo chiesto a chi sostiene i colori granata di supportare tutti coloro che la rappresentano affinchè si potesse lavorare tranquillamente in un clima tale da poter prendere decisioni in totale serenità. In queste ultime settimane abbiamo assistito a nuovi e ulteriori attacchi, social e giornalistici, da chi dice di sostenere la 1902 e che invece, continuando a diffondere notizie false, accuse ed ingiurie e a dare credito a tutto ciò che di non ufficiale viene dichiarato. Ma tutto ciò ancora una volta non ha impedito che i passi che la 1902 doveva compiere per affrontare questo nuovo Campionato venissero compiuti. La concretezza, che anche questa volta arriva dopo il tanto chiacchiericcio, speriamo serva per ottenere quel supporto e quella serenità da parte di tutti, condizioni imprescindibili che ci servono per andare avanti, per dare alla città di Pozzuoli quel calcio che tanto desidera e che più volte negli anni passati ha rischiato di scomparire. La Puteolana dal 20 settembre ci sarà e sarà pronta, come sempre, a continuare il nostro percorso, partendo da oggi che è senza dubbio un giorno storico per la città di Pozzuoli e per la storia del calcio puteolano.”