POZZUOLI – Le cozze di Mont-Saint-Michel insieme alle cozze di scardovari sono le uniche due in Europa ad essere denominate DOP. Una nota che caratterizza la cozza di Mont-Saint-Michel sono le famosissime maree che danno carattere al mollusco: una carne di colore che va dal giallo all’aranciato in cui non figurano granchi o grani di sabbia. La struttura della carne è morbida e fondente e il sapore ha un gusto dominante zuccherino, si può apprezzare da luglio a febbraio. Le etichette DOP europee sono più di 3 mila fra vini, formaggi, salumi, alcoolici e cibi assortiti e sono la parte pregiata della produzione agricola della Ue. Da “Punto Nave” la cozza si può apprezzare nella sua piena forma anche nei mesi con la “R” (Cotta agli aghi di pino).

LE PECULIARITA’ – La qualità, insomma, paga: un rapporto appena pubblicato dalla Commissione Ue valuta che i prodotti a etichetta garantita spuntino un prezzo doppio rispetto alla concorrenza ordinaria. Caratteristiche chimico-fisiche e organolettiche di una cozza DOP. La Cozza DOP presenta le seguenti peculiarità derivanti dall’ambiente di produzione quali: indice di condizione, che misura lo stato di pienezza della parte edibile rispetto all’intero organismo, maggiore di 25%; dolcezza peculiare delle carni grazie al basso contenuto in sodio (< 210 mg/100 gr); carni particolarmente morbide e fondenti con elevata “palabilità”. Tali caratteristiche peculiari distinguono la Cozza DOP da prodotti similari, provenienti da altre zone e dagli allevamenti in mare aperto.


*contenuto sponsorizzato