Raffaele Borrelli

POZZUOLI – Ha lasciato un biglietto di scuse alla fidanzata e poi si è tolto la vita in bagno. Raffaele Borrelli, 33enne di Varcaturo, si è suicidato nella giornata di ieri nell’appartamento di viale dei Pini dove abitava con la sua compagna. Il giovane è stato trovato impiccato: ancora incerta l’ora esatta della morte che verrà stabilita al termine degli accertamenti. Il pubblico ministero ha infatti disposto l’autopsia: la salma è stata sequestrata e trasportata presso il Centro di medicina legale di Napoli.

IL DRAMMA – Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 14, Raffaele ha pubblicato una fotografia su Facebook che lo ritrae felice con la sua fidanzata. Nessuna frase accompagna l’immagine; c’è solo l’emoticon a forma di cuore come didascalia. Poi il dramma. Il giovane era solo in casa; la scoperta è stata fatta in serata dai carabinieri della stazione di Varcaturo, costretti a sfondare la porta dopo la telefonata ricevuta dalla fidanzata di Raffaele. La giovane era preoccupata perché non riusciva ad accedere nell’abitazione: la porta di ingresso era bloccata. Nessuna risposta da parte del fidanzato alle sue telefonate. La paura ha preso il sopravvento; da qui la decisione di chiamare le forze dell’ordine affinché potessero intervenire. I militari, una volta dentro casa, si sono ritrovati dinanzi ad una scena agghiacciante. Inutili i tentativi di rianimazione: per il 33enne, dipendente del pub “New Sea Legend” di Licola e ancor prima studente dell’istituto Petronio di Pozzuoli, non c’è stato nulla da fare.

IL CORDOGLIO –  In tanti oggi si chiedono quali possano essere i motivi all’origine del drammatico gesto. Una domanda alla quale stanno cercando di dare una risposta pure i carabinieri che indagano sul caso. La notizia, intanto, ha fatto rapidamente il giro tra Varcaturo e Pozzuoli. Un passa parola alimentato anche dai social network. «Rimarrai sempre nei nostri cuori», è una delle tante dediche scritte dagli amici di Raffaele.