POZZUOLI – Si è tenuta ieri a Pozzuoli, presso l’Accademia Aeronautica, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, Giorgio Mulè, la tradizionale cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2021-2022 degli Istituti di Formazione dell’Aeronautica Militare. L’evento, a cui hanno preso parte il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti e numerose autorità civili e militari, si è aperto con un intervento del Comandante delle Scuole e della 3ª Regione Aerea, Generale di Squadra Aerea Aurelio Colagrande, che dopo una breve introduzione sulle principali attività portate a termine nell’ultimo Anno Accademico, ha voluto evidenziare i progetti e gli obiettivi futuri più significativi nel campo della formazione e della selezione. Il Generale Goretti, ha evidenziato l’altissima qualità raggiunta dai percorsi di formazione costantemente migliorati e all’avanguardia: “…L’eccellenza è un obiettivo cui tendere incessantemente, con tenacia, che richiede una visione strategica, l’identificazione di una missione, l’attenzione all’innovazione e alle nuove competenze, ma soprattutto una efficace comunione di principi. Proprio i valori e le tradizioni dell’Arma Azzurra, espressione del legame unico che unisce passato e presente, sono la base per guardare al futuro e per formare la persona, in primis come uomo e poi come militare e professionista, ispirandosi ai valori fondanti della forza armata: senso del dovere, spirito di servizio, rigore e disciplina”. Prima di concludere, parlando ai giovani frequentatori: “…Impegnatevi, siate curiosi e attenti nel curare il vostro percorso formativo, non vi risparmiate! siate consapevoli delle opportunità che l’Aeronautica vi offre oggi, così come in futuro”.

IL FUTURO – A seguire il Comandante dell’Accademia Aeronautica, Generale di Brigata Aerea, Paolo Tarantino ha presentato quale Prolusore dell’odierna giornata, il Colonnello Gianmarco Di Loreto, pilota sperimentatore in servizio presso il 3° Reparto – Pianificazione dello Strumento Aerospaziale dello Stato Maggiore dell’Aeronautica il cui intervento dal titolo “L’Aeronautica Militare e la 6^ Generazione” ha riscosso un notevole interesse per il tema trattato. La cerimonia si è conclusa con le parole del Sottosegretario di Stato alla Difesa: “Vorrei esprimere a voi che guardate al domani con speranza, positività, fame di sapere e sete di conoscenza […] il mio rispetto, la mia ammirazione, la mia stima. Perché per volare in alto non solo nei cieli ma nella vita è fondamentale, essenziale, dirimente essere preparati: alle sfide, alle difficoltà, agli stimoli, ai dubbi. E solo studiando si può saziare quella fame e quella sete che voi oggi qui rappresentate come se fosse plasticamente possibile toccarle con mano. […] Sentitevi fieri del percorso che avete intrapreso, degli Ufficiali che sarete domani, vanto non solo della vostra Forza Armata e della Difesa, ma del Paese che vi guarda con ammirazione.”

I PREMI – Durante la la cerimonia sono stati assegnati: “Premio miglior studente UNINA”, conferito all’Aspirante del Genio Aeronautico Ferdinando Prisco del Corso Zodiaco V, quale studente universitario che, nell’arco dei tre anni del percorso di laurea di primo livello, ha ottenuto la media esami più alta tra gli iscritti in corso; “Premio dell’Associazione Pionieri dell’Aeronautica”, istituito dall’Associazione per dare merito e risalto ad elaborati a carattere aeronautico, redatti dai giovani allievi degli Istituti di Formazione dell’Aeronautica Militare, assegnato al Sottotenente Matteo Perghem Gelmi del Corso Vulcano V e Presidente dell’Unità Addestrativa “Drones Academy Research Team”; il “Premio annuale per l’attitudine militare nelle Accademie”, istituito dall’Ordine Militare d’Italia nel 1996 e destinato agli Allievi di tutte le Accademie Militari distintisi nell’attitudine militare al termine del 2° anno di corso, assegnato all’Aspirante pilota Gian Marco Volpari del Corso Aquila VI;
il “Premio Tosi”, istituito dall’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Mutilati dell’Aeronautica e attribuito ai frequentatori piloti di complemento, che si sono distinti per l’attitudine militare e nell’attività di volo, assegnato al Sergente Pilota di Complemento Matteo Pagliari del 124° Corso A.U.P.C.; la “Daga d’Onore” assegnata al Maresciallo di 3ª classe Annamaria Di Viesto, del 21° Corso “Blazar II” della Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare, primo classificato nella graduatoria finale al termine del terzo Anno Accademico; la “Targa d’Onore”, destinata all’allievo non navigante che durante i primi tre anni del corso regolare si sia mantenuto in graduatoria primo del rispettivo ruolo, attribuita all’Aspirante del Genio Aeronautico Claudia Liuzzi del Corso Zodiaco V;
la “Sciabola d’onore”, destinata all’Allievo pilota che durante i tre anni del Corso Regolare abbia mantenuto la posizione di capo corso, conferita all’Aspirante pilota Luca Matteucci del Corso Zodiaco V;

BILANCI E NUMERI – Nell’Anno Accademico 2021/2022, negli Istituti di Formazione e nelle scuole dell’Aeronautica Militare sono transitati complessivamente 6582 frequentatori, di cui 189 allievi stranieri. In particolare: 202 fra Ufficiali e Marescialli hanno conseguito la laurea di 1° livello; 80 Ufficiali, di cui 2 stranieri, hanno completato il proprio iter di studi con la laurea magistrale (quest’anno si sono laureati i primi frequentatori dell’Accademia Aeronautica dopo il percorso completo di studi in Gestione dei Sistemi Aerospaziali per la Difesa); 60 Ufficiali, di cui 4 stranieri hanno conseguito il brevetto di pilota militare, mentre 54 Allievi frequentatori di cui 22 di altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato, hanno conseguito il brevetto di pilota di aeroplano; 17 Allievi frequentatori di altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato hanno conseguito il brevetto militare di pilota di elicottero, mentre 4 brevetti di pilota di elicottero sono stati rilasciati al personale dei Vigili del Fuoco;
94 Capitani hanno conseguito il Master di 2° livello in Leadership ed Analisi strategica.