Immagine del web

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – «Buonasera… o dovrei dire buonanotte! Sono le 2:37. È notte fonda, quindi ogni povero diavolo dovrebbe dormire nella propria casa, si presume. Abito in Seconda Traversa Spezzata Tranvai 18, adiacente alla fermata Cappuccini della Cumana. La mia, come tante, ma proprio tante abitazioni, dà sulle rotaie del treno prima del tunnel che porta a Pozzuoli centro. Tante volte la notte non si è dormito per lavori di manutenzione pubblica ovviamente necessari. Questa volta è diverso. Da più di un mese è l’inferno. A quasi mezzanotte dall’altra parte del treno si montano impalcature per un edificio privato. In spregio di qualsiasi regola. Tanti cittadini, tra cui la sottoscritta, hanno avuto la pretesa di essere tutelati dai vigili urbani della nostra città. I primi due giorni, dopo le nostre insistenze, le pattuglie sono venute bloccando i lavori come disturbo della quiete pubblica. Apprendo adesso dal vigile di turno al centralino che “hanno le autorizzazioni”. Lavorano anche di giorno. Cosa può esserci mai che giustifichi una simile prepotenza? È possibile mai che a Pozzuoli tutto finisce sempre così? Con qualche scartoffia ed un benservito alle persone perbene che devono subire anche di notte in casa propria in spregio a qualsiasi regola? L’avvilimento è grande e la rassegnazione all’anarchia assoluta assicura solo una totale sfiducia in chi ci amministra. Per favore, almeno voi, date voce a semplici cittadini che chiedono solo tranquilla serenità! (almeno di notte!)». (Barbara N.)