NAPOLI – «La lista degli animali venduti illegalmente si allunga sempre di più e, questa volta, a finire nelle mani di bracconieri e venditori improvvisati è stato un falchetto non ancora adulto che era sistemato alla meno peggio in un cartone insieme a un pulcino morto che doveva essere il suo pasto». A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, complimentandosi con i volontari delle Guardie zoofile “Nogra” che, mentre erano in perlustrazione nella zona di Gianturco, hanno notato un rom che si aggirava con una scatola di cartone con atteggiamento sospetto. «Quando ha visto i volontari, il commerciante di animali improvvisato ha lasciato la scatola con il falchetto ed è scappato -ha aggiunto Borrelli sottolineando che- successivamente il falchetto è stato portato al centro veterinario dell’Asl Napoli 1 dove sarà curato e poi rimesso in libertà. Contro il mercato illegale degli animali, al di là dell’azione repressiva e preventiva di forze dell’ordine e volontari, è necessario che ci sia anche la collaborazione di tutti quelli che vogliono portare un animale dentro casa e che devono necessariamente passare attraverso i canali tradizionali senza cedere alle tentazioni del mercato illegale che porta anche animali pericolosi nelle città»