POZZUOLI – Per l’intero 2018 la gestione degli eventi costerà alla collettività quasi mezzo milione di euro, considerando “Pozzuoli Ardente”, sessione estiva ed invernale, gli eventi natalizi ed altre piccole manifestazioni. Ed è proprio sulla programmazione di Natale, oltre che sulle deludenti luminarie, che continuano ad imperversare le polemiche in città. Strade e piazze semideserte stanno caratterizzando il Natale puteolano, generando un’insoddisfazione generale. Forte e dura la critica dei due Consiglieri Comunali del M5S, Antonio Caso e Domenico Critelli, che dichiarano: «Se tutto ciò servisse a promuovere e valorizzare la nostra città, determinando un incremento dei flussi turistici, allora i circa 500.000 mila euro di spesa per gli eventi 2018 potrebbe anche essere accettabile. L’aumento della spesa turistica determinerebbe un ritorno economico diffuso, che andrebbe a vantaggio della collettività, come accade a Salerno ed in altre città. Qui invece si assiste quasi esclusivamente ad uno sperpero di denaro pubblico, che serve ad “ingrassare” qualcuno, a fare qualche clientela, ad intrattenere pochi e probabilmente a soddisfare l’ego di qualche Assessore e Consigliere di turno. Tutto ciò non è certamente utile ad attrarre turisti in città. Davvero non riusciamo a comprendere a quali dati faccia riferimento il Sindaco Figliolia, quando parla della triplicazione delle presenze turistiche. In verità, quest’anno, stanno mancando anche gli avventori. Le strade e le piazze, infatti, sono spesso tristemente vuote. Speriamo si recuperi nei prossimi giorni. Sicuramente il concerto di Capodanno, che costerà complessivamente oltre 100 mila euro, registrerà il pienone. Si scatteranno delle belle foto e si avrà qualche passaggio in qualche tg locale. Troppo poco rispetto all’investimento fatto. Per rilanciare il nostro territorio c’è bisogno di altro.»

LA COMUNICAZIONE – I due pentastellati concludono con una stoccata al Sindaco, Vincenzo Figliolia: «Non ci stanchiamo di ripeterlo. Questa Amministrazione naviga a vista su quasi tutto, senza porsi obiettivi e senza programmare adeguatamente i passi per raggiungerli, ottenendo così scarsi risultati. Luminarie deludenti. Un calendario di eventi, creato come sempre in ritardo, con poca trasparenza e partecipazione, non sempre di qualità. Il tutto pubblicizzato in maniera pessima. Assurdo che la comunicazione sia stata affidata solo dieci giorni fa, impegnando appena 6.000 euro. “I risultati sono sotto gli occhi di tutti”. Pozzuoli è sicuramente una città complessa, ma gli unici problemi culturali, che noi registriamo, sono quelli legati alla classe dirigente degli ultimi 20-30 anni, che il Sindaco Figliolia rappresenta alla grande. Non dimentichi da dove è venuto e quanto questa città gli ha dato. Faccia un bilancio e si renda conto che a guadagnarci è stato lui. Pozzuoli merita altro e di più!»