14-10-2016-pozzuoli-hashish-soldi-e-elettronica-1POZZUOLI – Preso a Pozzuoli con 8 chili e mezzo di hashish, una grossa somma di denaro e “pezzi” di elettronica di sospetta provenienza.In manette è finito il 51enne Carmine Fedele, residente a Ferentino, provincia di Frosinone. A scoprirlo sono stati i carabinieri della stazione di Pozzuoli (diretti dal maresciallo Raffaele Martucci) che lo hanno fermato per controlli stradali mentre percorreva via Montenuovo Licola Patria alla guida della sua Alfa Mito.

LA SCOPERTA – Durante le normali verifiche Fedele mostrava evidenti segni di fretta e ansia, non affatto giustificabili per la situazione.
Il suo atteggiamento insospettiva i militari dell’arma, che passavano ad ispezionare la sua vettura trovando nel bagagliaio: 17 panetti di hashish del peso complessivo di 8 chili e mezzo, 3200 euro in contante, un portadocumenti con stemma simile a quello della guardia di finanza, un tablet, un pc portatile e 3 smartphone.

L’ARRESTO – A quel punto l’uomo è stato arrestato per detenzione di stupefacente a fini di spaccio, possesso di segni distintivi contraffatti e ricettazione. Ma gli accertamenti non si sono fermati a Pozzuoli. In conseguenza dell’arresto in flagranza è stata effettuata una perquisizione dai carabinieri di Ferentino a casa della compagna dell’arrestato. Lì è stata rinvenuta una pistola scenica priva di tappo rosso, ben 8 cellulari, un bilancino di precisione e un “rolex”. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto al carcere di Poggioreale.