POZZUOLI – Salgono a 65 i casi totali di cittadini puteolani positivi al coronavirus. Ad annunciarlo è il sindaco Vincenzo Figliolia con un video pubblicato, intorno alle 3 del mattino, sulla sua bacheca di Facebook. Altre quattro persone sono risultate positive al tampone a Pozzuoli. Ma il filmato, diffuso sui social prima dell’alba, non è tanto finalizzato ad aggiornare la comunità sui nuovi contagi, ma a complimentarsi con la cittadinanza per il comportamento esemplare assunto durante quaranta giorni di emergenza. «L’aumento dei casi che si sta registrando nella nostra città è da ricercare altrove. Sono orgoglioso dei miei concittadini», spiega il sindaco della città di Pozzuoli. Il capo della giunta si dissocia dalle dichiarazioni del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che attribuisce l’aumento dei contagi a comportamenti poco responsabili da parte di gruppi di cittadini. «I numeri dimostrano che l’incremento dei contagi nella città di Pozzuoli è legato esclusivamente ai problemi che sono sorti all’interno dell’ospedale Santa Maria delle Grazie», ribadisce il sindaco Figliolia che invita ancora una volta i cittadini a restare a casa.

PROROGATE LE MISURE DI CONTENIMENTO – Il sindaco ha anche prorogato fino al 3 maggio tutte le misure adottate per il contenimento della diffusione del coronavirus. Resterà quindi ancora chiuso il cimitero comunale di via Luciano, tranne che per le operazioni di inumazione di salma e deposito di urna cineraria. Non sarà possibile accedere nemmeno agli uffici comunali, aperti solo per gli adempimenti di nascita e morte e per le attività della polizia municipale e della protezione civile. Per gli altri servizi, e solo per comprovate urgenze, l’accesso alla casa comunale sarà permesso previa prenotazione telefonica o telematica. Per quanto riguarda gli esercizi commerciali, continuerà ad essere valida la chiusura alle 14, dal lunedì al sabato, di tutte le attività, ad esclusione di quelle riguardanti il settore alimentare, quelle legate a prestazioni e assistenza sanitaria, le farmacie e le parafarmacie. La domenica resteranno tutti chiusi, ivi compreso il mercato ittico all’ingrosso, tranne le edicole, le farmacie e le parafarmacie. L’ordinanza del sindaco dispone anche, recependo la recente ordinanza regionale, l’apertura del commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati nelle mattinate del martedì e del venerdì con orario dalle 8 alle 14. Nella settimana del 1° maggio 2020 l’apertura è consentita nelle mattinate del martedì e del giovedì, sempre nello stesso lasso di tempo. Il primo cittadino di Pozzuoli ricorda infine che tutti gli operatori delle attività commerciali, compresi i cassieri, al fine di ridurre le possibilità di contagio e a tutela della salute pubblica, dovranno utilizzare guanti e mascherini.