POZZUOLI – La diffusione dell’epidemia in città finalmente comincia a dare primi segnali di frenata. Negli ultimi 7 giorni, infatti, sono stati rilevati 307 nuovi casi rispetto ai 457 delle due settimane precedenti. Un calo che nel complesso si osserva sia in Campania, che resta però in zona rossa, sia nel paese e  che ha portato molti esperti a ritenere raggiunto il picco della curva dei contagi. Probabilmente, anche a Pozzuoli si è in questa fase, ma per avere conferma della discesa occorrerà attendere ancora. Lievi miglioramenti cominciano a registrarsi anche sulla pressione ospedaliera in quasi tutta Italia, Campania compresa, ma purtroppo il numero delle vittime nel paese resta molto elevato, anche se con crescita in debole rallentamento. La situazione, pertanto, resta tuttora molto critica e le istituzioni, a tutti i livelli, continuano a raccomandare lo scrupoloso rispetto delle regole, per evitare di mandare in fumo i sacrifici fatti in questi mesi di restrizioni.

I NUMERI – Da inizio pandemia, il numero complessivo dei casi Covid19 in città ha raggiunto le 2.253 unità. Gli “attualmente positivi” sono 1.697, la quasi totalità dei quali è in isolamento domiciliare fiduciario con pochi o nessun sintomo. Sono solo 20 i cittadini al momento ospedalizzati.
Da marzo ad oggi, purtroppo, sono 29 i puteolani deceduti, di cui 16 negli ultimi 3 mesi. Nella giornata di ieri sono stati rilevati 53 nuovi casi su 423 tamponi eseguiti (il 12,5% contro l’11% di ieri) e 18 guariti.

LA TENDENZA – In città, i primi 27 giorni di novembre hanno fatto registrare un vero e proprio boom dei nuovi contagi, arrivando a 1.940 casi rispetto ai 529 di ottobre. Per fortuna, la crescita ha subito un rallentamento nelle settimane centrali del mese ed ha mostrato una prima inversione di tendenza negli ultimi 7 giorni, con un totale di 307 nuovi positivi contro i 457 riscontrati nel periodo 7-13 e 14-20 novembre. È bene ribadire che questi dati positivi vanno confermati e consolidati nel prossimo futuro. La situazione, seppur in leggero miglioramento, resta critica e un abbassamento della guardia potrebbe facilmente far invertire la tendenza, vista l’elevata contagiosità del virus. Altra notizia positiva è il continuo aumento dei guariti. Dagli 82 di ottobre si è passati ai 319 di questi 27 giorni di novembre, di cui ben 129 nell’ultima settimana.