QUARTO – Si chiama Ilenia Manco e risiede a Quarto. E sul sul suo calendario la data del 19 aprile scorso è cerchiata in rosso. Nella giornata di lunedì, infatti, la 25enne flegrea e Gaetano Genovese hanno tagliato un importante traguardo: sono i primi due studenti ad aver ricevuto l’attestato di formazione di base di meteorologo, unitamente alla laurea in “Scienze e Tecnologie della Navigazione”, presso l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”. Un risultato molto atteso poiché fino ad oggi nessuna Università del Sud Italia poteva formare i meteorologi. Ilenia, laureatasi con 110 e lode con plauso della Commissione, è soddisfatta e felice per la prima meta raggiunta. Finora gli studenti che desideravano conseguire tale specializzazione dovevano proseguire gli studi con la partecipazione a lunghi e costosi Master o trasferirsi nel nord del Paese. Le uniche Università italiane fino ad oggi in grado di rilasciare tale attestazione erano: Bologna, L’Aquila, Roma e Trento. La particolare seduta di Laurea, svolta in modalità telematica, ha previsto i saluti del Rettore Alberto Carotenuto e del Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Giorgio Budillon, oltre che dei coordinatori dei corsi di studio, i professori Stefano Pierini e Claudio Parente. Ospiti d’eccezione della particolare seduta di Laurea il Generale dell’Aeronautica Militare Luigi Baione – rappresentante permanente presso la World Meteorological Organization e il professore Dino Zardi – Presidente della Associazione Italiana Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia che hanno sottolineato l’importanza dei processi di ricerca, digitalizzazione e transizione ecologica in questi ambiti che hanno prospettive enormi di sviluppo nei prossimi anni.

IL COMMENTO – «Un percorso impegnativo – ha sottolineato il professore Giorgio Budillon – poiché gli studenti effettuano anche il tirocinio presso il Centro Meteo dell’Università, arrivano quindi al conseguimento del titolo con una solida esperienza sul campo. D’altra parte il Centro Meteo della Parthenope da anni lavora al fianco di Enti ed Istituzioni, basti ricordare la collaborazione con la Regione Campania per le previsioni meteo nel corso delle Universiadi o quella con la Società Autostrade per il monitoraggio delle condizioni meteo nei principali valichi». Gli studenti hanno conseguito la formazione di base di Meteorologo/Meteorologist ai sensi della disciplina della WMO (World Meteorological Organization). L’Ateneo è l’unico del sud Italia a poter certificare la formazione degli studenti magistrali ai sensi della Organizzazione Mondiale della Meteorologia (OMM-WMO). La combinazione dei due corsi di studio in Scienze Nautiche, Aeronautiche e Meteo-Oceanografiche (laurea triennale) e in Scienze e Tecnologie della Navigazione (laurea magistrale) della Scuola SIS permette agli studenti di formarsi nelle discipline richieste dalla WMO secondo quanto descritto e richiesto nella direttiva della 1083 del 2012. L’Università Parthenope è anche consorziata con l’Università del Salento per il Master di II livello in “Meteorologia ed Oceanografia Fisica” che costituisce un percorso alternativo alle succitate lauree per il conseguimento dei crediti formativi richiesti dalla WMO.