POZZUOLI – Un’abitazione trasformata in un ‘covo’ dove spacciare droga. Un’intera famiglia tratta in arresto. Questo il bilancio dell’operazione messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Pozzuoli nella giornata di oggi. I militari dell’Arma hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica a carico di quattro indagati. Padre, madre e due figli, residenti a Monterusciello, sono ritenuti gravemente indiziati, a vario titolo, in maniera continuata e in concorso tra loro, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish, marijuana, cocaina e crack.

I NOMI – In manette sono finiti Vincenzo Capuano (alias Zazzariello), 42enne; la moglie Giulia Artiaco, 40enne e i due figli Eugenio, 20enne ed Agostino, 19enne. Il 42enne e il figlio 19enne sono stati condotti presso la casa circondariale di Poggioreale, mentre la donna e l’altro figlio di 20 anni sono ristretti ai domiciliari. Nel corso dell’attività investigativa i carabinieri hanno scoperto una continua attività di spaccio presso l’abitazione degli indagati e riscontrato plurime cessioni di stupefacenti nei confronti di numerosi acquirenti dell’area flegrea, segnalati in via amministrativa alla Prefettura di Napoli. Sono finiti, inoltre, sotto sequestro 20.700 euro, somma ritenuta provento dell’illecita attività, e 161,30 grammi di hashish, marijuana, cocaina e crack. L’attività investigativa, condotta anche con l’ausilio di telecamere installate presso l’abitazione degli arrestati, iniziata nei primi mesi del 2021, si è conclusa nello scorso mese di maggio.