BACOLI – Per la 4a giornata di ritorno, il “Chiovato” di Bacoli ospita un derby con tanti intrecci tra passato e presente, caratterizzato da un’altissima intensità di gioco che trasporta emotivamente il consistente pubblico accorso sulle gradinate. Il pomeriggio sembra iniziare nel migliore dei modi per il Rione Terra che, in pieno furore agonistico, realizza due reti nei primi tre minuti che sembrano mettere in discesa la gara. Se i primi minuti sono però esaltanti, gli ultimi rappresentano un vero incubo: il recupero diventa ancora una volta fatale per i padroni di casa, che vedono svanire 2 punti nella rocambolesca mischia finale sull’ultimo calcio piazzato, dopo che il Montecalcio aveva accorciato in precedenza il passivo.

CRONACA DEL MATCH – Pronti, via, ed è già tempo di esultare per il Rione Terra, che ci mette meno di un minuto a sbloccare la gara con un gran tiro da fuori area all’angolino basso di Granata, che aveva raccolto una palla vagante respinta dalla difesa avversaria in seguito ad un cross dalla destra. Il pubblico non ha neppure il tempo di sedersi nuovamente, che un minuto dopo un’incursione in velocità in area causa il penalty, che Marasco realizza con freddezza al 3′. Al 13′ rischia già di chiudersi la gara, ma la deviazione di Capogrossa in seguito ad un corner viene fermata dal palo. È probabilmente l’episodio sliding doors del match, insieme alla gran parata del portiere del Montecalcio Testa su una conclusione da fuori di Scherillo col pallone che rimbalza nell’area piccola. Nella ripresa, infatti, inizia a crescere la spinta degli ospiti, che sfiorano la rete prima al 55′ su una transizione offensiva a ridosso dell’area di rigore avversaria e una conclusione di Migliaccio parata bene da Navarra; e poi al 68′, in seguito ad un’uscita coraggiosa del portiere Testa, che imposta un cambio gioco per Di Matteo, poco lucido davanti al portiere del Rione Terra. La rete è nell’aria, e arriva al 73′ con una perfetta conclusione da fuori area all’incrocio dei pali di Lubrano Lavadera. Il Rione Terra serra dunque le fila, provando a spaventare gli avversari in contropiede quando può. Ma all’ultimo minuto di recupero, in seguito ad una discussa punizione sulla trequarti, si scatena una mischia rocambolesca nella quale Di Matteo è il più lesto di tutti e si fa perdonare l’errore di venti minuti prima, portando il Montecalcio al pareggio in extremis.

RETI – 1′ Granata, 3′ Marasco su rigore (Rione Terra); 73′ Lubrano Lavadera, 95′ Di Matteo (Montecalcio)