GIUGLIANO – I Carabinieri del Noe di Napoli, nel corso delle attività finalizzate al contrasto dei reati ambientali legati al ciclo dei rifiuti urbani e speciali, hanno intensificato i controlli nell’area a nord di Napoli, nella cosiddetta Terra dei fuochi. In particolare, a Giugliano, nel corso di verifiche, i militari hanno accertato che uno stabilimento industriale dedito alla produzione di minuteria metallica per carpenteria leggera non smaltiva i rifiuti derivanti dal ciclo produttivo, che venivano illecitamente stoccati nel piazzale dell’azienda. All’atto del controllo sono stati rinvenuti ingenti quantitativi di rifiuti speciali pericolosi quali: guaine bituminose, stracci e segatura intrisi di oli e solventi, nonché rifiuti speciali non pericolosi costituiti prevalentemente da imballaggi di carta, cartone, imballaggi metallici, imballaggi in plastica e legno depositati in maniera incontrollata in area scoperta, senza alcuna protezione per le matrici ambientali.

I SIGILLI – Al termine degli accertamenti sono stati sottoposti a sequestro: il piazzale di 300 metri quadrai; 15 metri cubi di rifiuti speciali pericolosi; 50 metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi in parte contenuti in un cassone scoperto. Il gestore dell’attività è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Napoli Nord per “stoccaggio non autorizzato e smaltimento illecito di rifiuti e deposito di rifiuti oltre i limiti temporali consentiti”. Il valore complessivo del sequestro ammonta a circa 30.000 Euro.