di Gennaro Del Giudice

in compagnia della moglie
Gerardo Picirllo in compagnia della moglie

BACOLI – Dopo un tuffo in mare è stato colto da un malore ed è annegato. Tragedia questa mattina a Bacoli, lungo il tratto di arenile libero in via Spiagge Romane in località Fusaro. La vittima si chiama Gerardo Piccirillo, 37 anni, elettricista residente a Marano. La tragedia è accaduta intorno alle 10 sul tratto di spiaggia del “Lido Maradona”. L’uomo dopo essersi tuffato in mare è stato colto da un improvviso malore che gli è stato fatale. E’ morto davanti agli occhi della moglie e dei figli. Alla scena hanno assistito numerosi bagnanti alcuni dei quali si sono tuffati in acqua per soccorrere l’uomo.

 

I SOCCORSI – Inutili sono stati anche i tentativi di rianimazione da parte dei sanitari del 118 giunti sul posto insieme ai carabinieri della Compagnia di Pozzuoli diretti dal Capitano Elio Norino e dal Tenente Gianfranco Galletta e dai colleghi della stazione di Bacoli diretti dal maresciallo Carmine Napolitano. Sul posto anche i militari della Capitaneria di Porto. Sotto shock parenti e amici che appena appresa la notizia della tragedia si sono precipitati in spiaggia.

 

IL PRECEDENTE – Nello stesso tratto di mare due anni fa perse la vita Ernesto Cuordifede, il 35enne eroe puteolano che annegò nel tentativo di salvare due giovani travolti dalle onde. Curdifede si trovava in spiaggia quando vide un 24enne e un 26enne in difficoltà, si tolse la maglia e si tuffò in mare riuscendo a mettere in salvo i due. Per lui invece non ci fu nulla da fare, le onde presero il sopravvento risucchiandolo. Sulla spiaggia, in passato teatro di numerose tragedie, il comune di Bacoli e la Capitaneria di Porto hanno apposto cartelli con divieti e indicazioni per i bagnanti.