Michele Costigliola

BACOLI – Resta in ospedale per accertamenti l’80enne di Bacoli che ha ferito la moglie a colpi d’arma da fuoco per poi barricarsi in casa per oltre 12 ore. Michele Costigliola è in stato di arresto per tentato omicidio ed è piantonato dai militari dell’Arma presso l’ospedale San Paolo di Napoli. Lunedì mattina l’uomo ha esploso due colpi di pistola contro la moglie, attualmente ricoverata in ospedale a Pozzuoli, ma non in pericolo di vita. La 77enne, centrata al fianco e caduta sul pavimento, è riuscita comunque a richiamare l’attenzione di uno dei tre figli, che si è fiondato dalla mamma e l’ha soccorsa, caricandola in auto e portandola in ospedale. Costigliola si è poi barricato in casa e vi è rimasto per l’intera giornata, armato e insensibile alle richieste dei carabinieri di uscire.

L’IRRUZIONE – Solo alle 22:40 i militari dell’Aliquota Primo Intervento (Api) del Comando Provinciale di Napoli hanno fatto irruzione nell’appartamento sfondando la porta di ingresso con l’ariete. L’80enne, stanco e provato, si è arreso senza creare problemi, ed è stato condotto in ospedale. La pistola, detenuta illegalmente, è finita sotto sequestro. Tocca ora alla Procura di Napoli decidere – considerando anche l’età, le condizioni psicofisiche e le minacce di suicidio – se metterlo ai domiciliari o disporre il carcere. L’anziano è assistito attualmente da un avvocato di ufficio. La moglie e i figli, che sono parte lesa, non possono nominare un legale che possa difenderlo. Al momento non sono ancora note le motivazioni che hanno portato l’80enne a sparare due volte al fianco alla moglie. Secondo una prima ricostruzione dei fatti la discussione potrebbe, però, essere scoppiata per motivi di natura finanziaria.