protesta genitori 1BACOLI – Un incontro molto partecipato, quello che si è svolto stamane presso il Municipio di via Lungolago ove oltre cinquanta mamme hanno protestato innanzi alla Casa Comunale contro il servizio di refezione scolastica nelle scuole primarie e dell’infanzia di Bacoli.

LA PROTESTA DELLE MAMME – Innumerevoli i disagi rappresentati dai genitori in questi mesi ai quali, nonostante le continue pressioni, ancora non si è riusciti a porre rimedio. Dal ritardo con cui vengono consegnati i pasti al contenuto del menù, dalle porzioni non differenziate alle criticità inerenti i pasti speciali, condizioni igienico-sanitarie che lasciano a desiderare e bambini allergici puntualmente discriminati. E così, questa mattina, una delegazione di rappresentanti dei genitori degli istituti scolastici Paolo di Tarso, Miseno, Stufe, Marconi e via Guardascione è stata ricevuta dal sindaco Josi Gerardo Della Ragione, insieme con i consiglieri comunali Valentina De Cicco e Mauro Cucco e la capo-area dei servizi sociali Lucia Basciano. All’incontro hanno preso parte anche i rappresentanti della ditta Mi.Group che fornisce il suddetto servizio mensa. I genitori hanno ancora una volta evidenziato le ragioni della loro insoddisfazione e dopo aver espresso le proprie opinioni in merito al servizio offerto, il Primo Cittadino ha ribadito la propria disponibilità nel risolvere tutte le problematiche.

protesta genitori 3LA RISPOSTA DEL SINDACO – «Vogliamo offrire il massimo della qualità possibile alla nostra utenza. C’è tutta la voglia di collaborare sia con la ditta che con i genitori. La qualità del prodotti e dei materiali utilizzati va garantita. Subito dopo l’incontro con i genitori ci siamo confrontati con la Mi.Group per far aumentare il numero degli automezzi per la distribuzione dei pasti, così facendo si ottimizzerà sicuramente meglio il servizio, perché è ovvio che un piatto cucinato qualche ore prima se viene consegnato con ritardo per pochezza dei mezzi la qualità e la bontà della cottura va disperdendosi. Ci siamo assicurati anche sulla certezza del numero dei pasti da consegnare nelle scuole, affinché si eviti di consegnarne di meno rispetto all’utenza prevista e poi abbiamo discusso anche sui pasti speciali, per bambini diabetici e celiaci, per i quali va garantito un servizio migliore. Ci assumiamo tutte le nostre responsabilità e col tempo riusciremo a venire incontro a tutte le esigenze ed a tutti i punti previsti dal capitolato. Giovedì è prevista una Commissione Mensa nell’ambito della quale daremo già le prime risposte in merito alle criticità che ci sono state poste».

Nello Savoia
Il consigliere di opposizione Nello Savoia

LA REAZIONE DELLE OPPOSIZIONI – Un problema, questo, fortemente sentito anche dalle minoranze in seno all’Assise. Sulla vicenda è intervenuto il Partito Democratico di Bacoli, dichiarando: «La mensa merita la massima attenzione perché si tratta dell’alimentazione, della salute dei nostri figli. Porteremo la questione in Consiglio comunale. Il parlamentino civico deve intervenire anche a rischio di sfatare un mito, il sogno di una Bacoli felice e prospera. Ma i cittadini vengono prima di feste e festicciole». Si dice invece indignato rispetto a quanto sta accadendo, il consigliere Nello Savoia, capogruppo di Fratelli d’Italia: «Dopo quattro mesi di disservizi, abbiamo ricevuto dal sindaco una risposta decisamente fantascientifica, ossia che il responsabile di tutto è il Comune. Un servizio mensa fornito “dal Comune, alle scuole del Comune e pagato in parte dal Comune”, non è già a prescindere responsabilità del Comune? Qui siamo ancora sul capire di chi è la responsabilità. Se questi sono i presupposti, altro che quattro mesi. Per risolvere i problemi ci metteranno quattro anni e forse i nostri figli saranno già alle scuole medie. Pertanto, il mio appoggio ai genitori è totale e sono pronto ad affiancarli in questa battaglia in tutti i modi possibili».