di Gennaro Del Giudice

rapina-banca-2013BACOLI – Indagini serrate sulla rapina da 150mila euro messa a segno al Monte dei Paschi di Siena di Bacoli. Fino a tarda sera i carabinieri hanno ascoltato i testimoni e gli operai della ditta impegnata nei lavori all’interno del palazzina al civico 115 di via Miseno che ospita la banca. Gli inquirenti in queste ore stanno passando ai “raggi x” le immagini dell’impianto di videosorveglianza dell’istituto di credito per tracciare l’identikit dei rapinatori. Intanto resta da capire come sia stato possibile realizzare un foro nel muro e penetrare all’interno della banca senza destare sospetti. Le indagini sono condotte dagli uomini della Compagnia di Pozzuoli diretti dai capitani Elio Norino e Gianfranco Galletta. Il raid è stato messo a segno da due rapinatori, anche se non si esclude la presenza di eventuali complici. Stando alla ricostruzione dei fatti i due hanno avuto accesso alla banca dopo aver praticato un foro nel muro che divide il locale dal portone della palazzina pare interessata da lavori di ristrutturazione. Un lavoro certosino quello dei malviventi probabilmente avviato nei giorni scorsi. Poi il “colpo finale” intorno alle 17 di venerdì quando hanno messo a segno il raid. In due, dopo aver atteso il “momento giusto” sono entrati all’interno dei locali che ospitano il Montepaschi e con i volti coperti da passamontagna e pistole in pugno, hanno minacciato i presenti intimando ai cassieri di consegnare i soldi. Dopo il colpo i due si sono dati alla fuga a bordo di una moto di grossa cilindrata.