BACOLI – «Ci auguriamo che l’esperimento sui bus dell’Eav diretti a Bacoli e Castellammare di Stabia, che partirà a ottobre, sia solo il primo passo verso il ritorno del bigliettaio a bordo, una proposta che portiamo avanti con convinzione da anni perché crediamo che sia un’ottima arma contro chi non paga il biglietto e anche un modo per garantire maggiore sicurezza ai dipendenti stessi e ai passeggeri». Lo hanno detto i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il portavoce regionale Vincenzo Peretti, per il quale «se l’esperimento confermerà che c’è la possibilità di coprire le spese necessarie con il maggior introito derivante dalla vendita dei biglietti, chiederemo che il bigliettaio torni a bordo di tutti i bus dell’Eav e di estendere la sperimentazione anche ad altre compagnie di trasporto, a cominciare dall’Anm».