Una Ford del 1929
Una Ford del 1929

BACOLI – E’ davvero iniziata la bella stagione per il Classic Car Club Napoli che, dopo la “1° Rievocazione Storica della Coppa Primavera – AmalfiAgerola”, svoltasi il mese scorso, ha dato vita, domenica 19 aprile, al “18° Raduno di Primavera”, valido come seconda prova del Campionato Sociale 2015 ed appuntamento tradizionale d’apertura del calendario delle iniziative promosse dal dinamico sodalizio partenopeo. Favoriti da un meteo perfetto, oltre 50 equipaggi, sotto l’egida del CCCN, si sono ritrovati di primo mattino sul porto di Baia (Bacoli – NA) sostando a lungo in Mostra Statica fino allo start della prova di regolarità, cronometrata dalla sezione FICR napoletana, svoltasi sul piazzale prospiciente la Capitaneria di Porto dell’incantevole località flegrea.

UNO SPLENDIDO PARTERRE – Come sempre variegato il parterre che ha riunito esemplari della migliore produzione automobilistica del secolo scorso, con una prevalenza di Marchi italiani, a cominciare dalle amate Rosse di Maranello ma anche Fiat, Alfa Romeo, Lancia, una buona rappresentanza di affascinanti vetture inglesi (Triumph, Austin Healey, Jaguar) nonché tedesche (Porsche e Volkswagen) e francesi (Renault Alpine), capeggiate da una Ford A del 1929. La gara ha sancito il successo, nella categoria Classic, di Giuseppe Morena, su Fiat 1100 del 1957, di Enrico Di Taranto, nella PostClassic, su Lancia Fulvia Montecarlo del 1970, di Antonio Maglione, su Jaguar XJ6, 1975, nella Modern, di Cosimo Casilli, nella PostModern, su Porsche 911 Speedster del 1989, e di Achille Coppola, su 348 TB del 1992, nella classe Ferrari. Vittorie in solitario per la veterana Ford A, del 1929, nella categoria Vintage, e della Fiat 508C, del 1937, nella PostVintage. Al termine della competizione, le “regine” del Classic Car Club Napoli si sono trasferite presso il Ristorante “Torre Saracena”, a Monte di Procida, dove si è svolta la premiazione, nel consueto clima di amicizia e condivisione di una passione motoristica che trova di anno in anno nuovi adepti nei “ranghi” dell’associazione napoletana, diretta dal Presidente Giuseppe Cannella.