POZZUOLI – Continua l’odissea per automobilisti, residenti e commercianti, all’indomani dell’istituzione dei sensi unici di marcia lungo via Artiaco e via Fascione. Lunghissimi i tempi di percorrenza per raggiungere il centro della città provenendo da via Campana, non solo nelle ore di punta. A tutto ciò si è aggiunta anche la chiusura dello svincolo della tangenziale, con quello che sembra acquisire tutti i caratteri di un vero e proprio “giallo”.

SEGNALETICA “FAI DA TE” – Nessuna comunicazione ufficiale, infatti, pare sia stata inviata da chi gestisce l’asse di attraversamento al Comune di Quarto, indirettamente “colpito” dai disagi dovuti all’interdizione dello svincolo. Nonostante la cittadina flegrea abbia un “suo” svincolo, da via De Nicola ci si aspettava almeno una nota “per conoscenza” che comunicasse quanto era stato deciso, dal momento che gran parte degli automobilisti quartesi utilizza proprio lo svincolo di via Campana a Pozzuoli in luogo di quello che si diparte dalla variante 7 bis. Ciò avrebbe contribuito anche ad informare meglio gli utenti della strada mediante una apposita segnaletica, come già avvenuto in passato.

INCONTRO IN REGIONE – Ed invece si è provveduto “con mezzi propri” lì dove si è potuto. Da qui la richiesta di incontro, fissato per giovedì’, tra l’amministrazione comunale di Quarto e l’assessorato regionale ai Trasporti. Ciò anche in forza del lungo periodo di chiusura previsto: ben 40 giorni.