LA LETTERA – Gentile Giovanna, mia figlia ha 7 anni e frequenta la seconda elementare. Negli ultimi tempi la vedo un po’ strana, la osservo e la scorgo triste, assente, piena di paure. Di sera spesso mi dice che ha paura di morire oppure capita che si svegli durante la notte e spaventata mi chiama dicendo che non sentire il suo cuoricino. Ho provato a rassicurarla e anche a scherzarci su, ma non vedo miglioramenti. Come posso affrontare la situazione e ridare serenità a mia figlia?

GIOVANNA RISPONDE – Gentile lettrice, la paura di morire è molto diffusa nei bambini, specialmente quando iniziano a frequentare la scuola dell’obbligo e non vivono con serenità il distacco dalla famiglia, in particolar modo dalla madre. Abbiamo chiesto un parere professionale ad dr Giuseppe Veneziano, psicologo e psicoterapeuta con esperienza trentennale. “Se questo stato d’animo è presente da più di tre mesi sarebbe opportuno riferirsi ad uno psicoterapeuta perchè questi segnali andrebbero contestualizzati ed elaborati. “Il cuoricino”, infatti, è sempre coinvolto negli stati d’ansia dei bambini e si evidenzia, quindi, la necessità che venga fatta una diagnosi differenziale. La consulenza specialistica consentirà sicuramente di definire il da farsi, placando ansie e timori che nell’indecisione potrebbero solo sviluppare grandi problemi. Una breve consulenza,invece, mediante l’applicazione di accorgimenti tecnici, potrà risolvere un problema dalla sua radice”.