uno stabilimento balneare di Miseno

Una tranquilla domenica, tra sole, nuvolette minacciose e un movimentato furto che arricchisce la cronaca di una giornata di metà giugno. Destinata ad essere archiviata in fretta, solo con il ricordo del caldo e dell’abbronzatura dopo i temporali dei giorni scorsi.L’estate è cominciata da pochi giorni e i bacolesi sono costretti a fare i conti con bande specializzate in furti sulle spiagge. Dall’inizio della stagione estiva sono già stati parecchi i “colpi”  perpetrati nelle spiagge di Miseno e Miliscola.

NUMEROSI FURTI IN SPIAGGIA– Solo nella giornata di ieri si sono contati tre furti.Bagnanti che non riescono a rilassarsi senza essere alleggeriti di portafogli, oggetti di valore, telefonini, denaro contante e in alcuni casi di occhiali griffati. Furti in serie, dunque, una minima parte dei quali denunciati a carabinieri e polizia, che fanno pensare alla presenza di una vera e propria organizzazione specializzata in questo tipo di reato. Anche perché i colpi, messi solitamente a segno nelle ore diurne, avvengono non solo lungo la zona degli arenili, ma anche nei parcheggi vicini alle spiagge, e in quelle notturne nei pressi delle discoteche più frequentate. I gestori che non avendo avuto un supporto dall’amministrazione comunale, cercano di organizzarsi per rendere più sicure e protetti i loro “bagni”, per evitare che ci sia un fuggi fuggi dagli arenili.

ENZO LUCCI
[email protected]