La protesta fuori al Municipio
La sede del Comune in via Lungolago,4

BACOLI – Oltre centro cittadini bacolesi e non, rappresentanti di diverse realtà associative e singoli cittadini si sono dati appuntamento stamattina fuori la casa comunale di Bacoli per chiedere il rispetto delle regola in materia di concessione di pubblici arenili. I manifestanti chiedevano il rispetto del regolamento comunale che prevederebbe che il 20% degli arenili rimanga a libera balneazione cosa che non è assolutamente rispettata dalle attuali concessioni che relegano la spiaggia libera ad una quota ben inferiore a quella del 20%.
IL SINDACO RICEVE I MANIFESTANTI – Una delegazione dei manifestanti è stata ricevuta dal sindaco Ermanno Schiano, che a detta dei manifestanti pur riconoscendo le giuste recriminazioni avrebbe dichiarato che prima della naturale scadenza delle concessioni (il 2015) non si può mettere mano alle quote di assegnazione.

I manifestanti

IL CORTEO LUNGO LE SPIAGGE – Insoddisfatti della risposta del Primo cittadino i manifestanti si sono organizzati in un corteo spontaneo che prima ha percorso la strada che costeggia i lidi e poi ha percorsi gli arenili stessi. Durante il percorso i manifestanti hanno inscenato “comizi volanti”, che hanno trovato anche il consenso di diversi bagnanti lungo quei pochi metri di spiaggia libera.
UN’ESTATE DI FUOCO – Sciolto il corteo i manifestanti si sono dati appuntamento per nuove manifestazioni. Sul tema spiagge si prevede un’estate rovente e non è escluso che la protesta possa allargarsi a macchia d’olio anche ai Comuni limitrofi.

ANGELO GRECO
[email protected]