Angelo Esposito

MONTE DI PROCIDA – Le operazioni di ricerca, messe in campo dalla task force delle forze dell’ordine e dai volontari, proseguono su tutto il territorio di Bacoli e Monte di Procida. A distanza di una settimana, però, di Angelo Esposito ancora non vi è traccia. L’uomo è scomparso lunedì scorso alle 7 del mattino. Nelle ultime ore i riflettori sono stati puntati sulla zona di Capo Miseno dove giovedì è stato ritrovato il giubbino che il 54enne di Monte di Procida indossava. In campo, per oltre 12 ore, pure i vigili del fuoco della squadra 5B di Monterusciello insieme al nucleo SAF: gli operanti hanno calato una corda di circa 60 metri per setacciare la parete rocciosa e la folta vegetazione lungo la parte calpestabile del promontorio.

L’SOS DEI FAMILIARI – «Non escluderò alcuna ipotesi per ritrovarti, maritino mio. Con i nostri figli abbiamo deciso di provare anche “Chi l’ha visto?”. Non ci arrenderemo mai. Aiutatemi tutti», è l’accorato appello lanciato dalla moglie di Angelo.