Luigi Cuomo esibisce la nuova maglia del Quarto calcio

QUARTO –  Vandali in azione al “Giarrusso” di Quarto dove nella notte è stata bruciata la rete di una porta del campo di calcio. Sul terreno di gioco si allena la squadra del Quarto Calcio, sponsorizzata dall’Associazione Antiracket, iscritta al campionato campano di Promozione.  La scoperta è stata fatta nella mattinata di lunedì dal custode alla riapertura dell’impianto. L’episodio è stato denunciato alle forze dell’ordine che indagano sull’accaduto.

IL RACCONTO DI LUIGI CUOMO – «Abbiamo subito l’ennesimo dispetto da parte di ragazzini ai quali abbiamo vietato di giocare a calcio quando il campo era chiuso – ha spiegato lo stesso Luigi Cuomo che sminuisce l’episodio – E’ stato trovato un piccolo inciso in una rete, ma è una cosa molta circoscritta, talmente poco evidente che forse sarà stata fatta anche qualche giorno fa e non ce ne siamo accorti. Se si fosse trattato di un gesto intimidatorio credo che abbiano fatto qualcosa di più grosso. Comunque abbiamo denunciato tutto alle forze di Polizia».  

SQUADRA SOTTRATTA ALLA CAMORRA –  La società lo scorso luglio era stata salvata dal fallimento dopo l’arresto del presidente Castrese Paragliola, accusato di collegamenti con la malavita locale. Dopo essere finita in amministrazione giudiziaria era stata poi affidata dai magistrati napoletani a Luigi Cuomo, uno dei simboli della lotta al racket e responsabile nazionale di “SOS Impresa”. Già agli inizi di agosto  si era registrato un altro grave episodio con il furto delle casacche di gioco dal magazzino accanto agli spogliatoi.

ANGELO GRECO