QUARTO – Tre incendi in altrettante zone diverse della città sono divampati praticamente all’unisono, mandando in fumo ettari di vegetazione. Al momento sono ancora in corso le operazioni di spegnimento da parte dei vigili del fuoco, arrivati da più distaccamenti.

L’SOS LANCIATO DALLA MUNICIPALE – A dare l’allarme, intorno alle 15, è stata la polizia municipale che si trovava in via Consolare Campana per il primo dei roghi. Immediatamente dopo le fiamme hanno investito gran parte della cava tufacea di via Spinelli – tra l’altro area sottoposta in parte a sequestro – dove le operazioni sono più difficili e si attende l’arrivo di un mezzo aereo per arginare il fronte del fuoco. Intanto un terzo incendio è scoppiato tra le sterpaglie a ridosso della Fescina, lambendo anche la linea ferroviaria, ma fortunatamente domate per tempo e non creando problemi al transito dei convogli.

UNICA REGIA? – Dunque, tre roghi in contemporanea, tanto da non lasciare molti dubbi sulla loro origine dolosa e soprattutto che ad appiccarli sia stata un’unica regia. La situazione più difficile, come detto, in via Spinelli, dove a poca distanza dai terreni andati in fiamme ci sono diverse abitazioni.