Raggiungere il 50% della raccolta differenziata entro la fine del 2011: è questo il parametro fissato dal Governo per non incorrere in sanzioni disciplinari e pecuniarie; il Comune di Quarto sta cercando di raggiungere questo traguardo ed in quest’ottica è stato programmato un piano di raccolta differenziata “porta a porta” che entro 3 mesi vedrà coinvolto tutto il territorio.

Dopo gli ottimi risultati conseguiti in via Crocillo e via Mazzini, entro la metà di luglio, anche via Casalanno e via G. De Falco sperimenteranno il servizio di raccolta di umido “porta a porta”, effettuato dalla Quarto Multiservizi; seguiranno gradualmente altre strade fino a quando non si raggiungerà ogni abitazione e condominio della città.

Un piano che a Quarto ha avuto una particolarità: la Quarto Multiservizi effettua la raccolta “porta a porta” dell’umido e non dei materiali di riciclo (carta, plastica e vetro); questi ultimi, continuano ad essere sversati nei cassonetti appositi, mentre nella maggior parte dei comuni italiani che hanno adottato il porta a porta, avviene l’esatto opposto.

Ed entro la stessa data partirà anche la raccolta degli oli esausti da cucina: una ditta specializzata ha raggiunto un accordo con l’ente comunale e consentirà questo importante servizio di smaltimento.

“Gradualmente dobbiamo portare la cultura della differenziata in tutte le case” – dichiara il sindaco Giarrusso- “per evitare che il dramma di questi ultimi mesi si protragga, occorre una forte politica di sensibilizzazione, ma sopratutto bisogna offrire alternative ed opportunità concrete ai cittadini e, la raccolta porta a porta, certamente lo è; in via Crocillo e Via Mazzini il piano ha funzionato e nei prossimi  90 giorni, proveremo a raggiungere tutte le arterie della città”.

da: COMUNICATO STAMPA