TORRE DEL GRECO – Si chiama Leonardo Orsino, ha 24 anni e lavora come macellaio, il piromane del Vesuvio, colui che appiccando il fuoco ha causato la distruzione di 10mila metri quadrati di Parco nazionale. Ad arrestarlo questa notte sono stati i carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, in sinergia con i carabinieri Forestali, che hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per incendio boschivo emessa dal GIP di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura. Il ragazzo, già noto alle forze dell’ordine, è stato identificato grazie a veloci indagini, esame di telecamere e attività di intercettazione, ed è ritenuto responsabile di aver appiccato, il 14 luglio scorso a Torre del Greco, l’incendio che ha distrutto 10mila mq. di Parco Nazionale del Vesuvio. Orsino ha utilizzato un semplice accendino, mettendo per altro a repentaglio con quel gesto la sua stessa abitazione, lambita dalle fiamme. Adesso si trova nel carcere di Napoli – Poggioreale, dove è stato tradotto in attesa del processo.