POZZUOLI – Si è tenuta presso Passaggio Toledo la presentazione del programma formativo inerente al progetto “Agorà Puteoli”, che prevede la fondazione di una nuova “Università popolare” dei Campi Flegrei. La sala era gremitissima di persone interessate all’iniziativa, tutte pronte a mettersi in gioco per riscoprire – attraverso dei corsi appositi – la propria creatività ed inventiva. L’idea è stata fortemente voluta dall’Associazione “Agorà Puteoli” nata quest’estate, per mettere in campo una riqualificazione ricreativa orientata verso quella fascia di popolazione in fase di senescenza, che sovente viene dimenticata dal tessuto comunitario. Il sapere diventa veicolo di conoscenza, trasmissione di concetti, mezzo di istruzione per le masse popolari, organizzando dibattiti e conferenze. Tale Facoltà non rilascia titoli accademici e professionali di carattere legale, ma deve essere intesa nella sua accezione globale del termine, ossia come gruppo di persone associate che creano coesione e relazione “per un arricchimento personale culturale”.

IL PIANO DEI CORSI – Alla presentazione c’erano: Veronica De Salsi, attivista dell’Associazione e moderatrice dell’evento; Maria Giuseppina Baiano, Presidentessa; e Sara Savarese, avvocato e socio della congregazione. I corsi sono in tutto ventitré: canto, ceramica, danze popolari, forum cine-letterario, lezioni per la salute fisica, insegnamento di lingue europee, taglio e cucito, teatro, uncinetto, origami, violino, disegno, poesia, sensibilizzazione alla piaga della violenza di genere e numismatica greca. Le lezioni si terranno nelle sale adibite presso Passaggio Toledo, e all’Istituto San Marco nella sua sede in via Fasano 5, sempre a Pozzuoli. La quota associativa è pari a 30 euro, e permette la partecipazione di tre corsi. Le iscrizioni sono aperte dal 26 novembre fino al 21 dicembre 2018, nei giorni: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 15:30 alle 18:30 all’Istituto San Marco, per le persone che hanno un’età che eccede i trent’anni.

IL VALORE DELLA COMUNITA’«Io mi auguro – dice Mariangela Pisano, tutor del “forum cine-letterario” – che questo corso sia seguito anche dai giovanissimi, discutendo di argomenti attuali che riguardano sia il cinema che la letteratura. Non ci sono cineforum a Pozzuoli sull’onda del cinema del passato, infatti è bene ribadire che la scelta delle pellicole è democratica, e il canovaccio sarà redatto insieme ai partecipanti. Spero di cuore che tutto andrà per il meglio, affinché si riscopri un nuovo senso di socialità per la nostra città».