Il 71enne è stato aggredito dal titolare della ditta concorrente

POZZUOLI – E’ ancora scosso il 71enne titolare dell’agenzia di onoranze funebri preso a schiaffi sabato pomeriggio nella Chiesa del “Divin Maestro”  di Quarto. Ad aggredirlo durante i funerali di un 76enne del posto Alfonso Cesarano, 51 anni, titolare della ditta concorrente, Luigi Belviso, 33 anni, e una terza persona che in queste ore è ricercata dai Carabinieri. Nei suoi confronti i tre hanno indirizzato un chiaro ed inequivocabile messaggio: “lasciare l’attività nella città di Quarto affinchè Cesarano possa detenere il monopolio sui funerali”. 

IL RACCONTO –  24 ore dopo l’episodio che ha poi portato all’arresto di Cesarano e Belviso, abbiamo incontrato la vittima  che ci ha raccontato quei momenti di tensione e violenza «Il funerale di sabato era stato affidato a me per volontà dei familiari e dello stesso defunto che era un mio amico – racconta  il 71enne –  Erano le 15 circa quando mi trovavo all’esterno della chiesa insieme ad alcuni miei dipendenti. Ad un certo punto ho visto arrivare Cesarano in una Panda grigia insieme ad altre due persone. Una volta sceso dalla macchina un mio dipendente gli è andato vicino per salutarlo ma lui l’ha spostato. Vedendo la scena ho subito capito che le sue intenzioni non erano buone – racconta  l’imprenditore puteolano che porta sul volto ancora i segni dell’aggressione –  Infatti, si è avvicinato a me e mi ha dato uno schiaffo. Poi dopo avermi insultato mi ha colpito ancora con altri due schiaffi. Fortunatamente, nonostante l’età, sono riuscito a rimanere in piedi. Infine, prima di andarsene ha rivolto delle minacce contro mio figlio che in quel momento non era presente»

GENNARO DEL GIUDICE