Un momento dell'esercitazione anti-incendio

POZZUOLI –  In pochi minuti lo scenario del tranquillo porto di Pozzuoli, con turisti ed auto pronti ad imbarcare, si è trasformato in una scena da film con sirene e lampeggianti spiegati e getti di acqua diretti contro le murate della Motonave “in fiamme”. Ma in realtà era una simulazione dello spegnimento di un incendio che  si è svolta presso il porto Flegreo. Un’esercitazione antincendio semestrale condotta da parte della Capitaneria di Porto di Pozzuoli, con il coinvolgimento degli enti preposti e l’impiego dei vari operatori portuali nonché delle Unità Navali presenti al momento. Scopo di tale esercitazione, testare l’efficienza degli impianti e allo stesso tempo verificare i tempi e le modalità di intervento di tutti i partecipanti, nonché verificare sul campo la sinergia dei vari organi coordinati dal Comandante del Porto, il Tenente di Vascello (CP)  Caterina Piccirilli.

LE OPERAZIONI –  Alle 11 circa la sala operativa della Capitaneria di Pozzuoli veniva allertata dal personale di bordo della motonave “Maria Buono”  ormeggiata in porto e intenta ad attività di bunkeraggio  che “simulava” la presenza di un incendio grave nei locali di prua della motonave, e non riuscendo a gestirlo da soli richiedevano l’intervento dei militari della Capitaneria. Subito la sala operativa di Pozzuoli trasmetteva la notizia al Comandante, TV Caterina Piccirilli, la quale disponeva l’invio dei militari della Capitaneria in porto, muniti dell’attrezzatura utile  per il supporto al personale della nave, allertando contestualmente anche i vari organi previsti ad intervenire in caso di incendio e coordinava le diverse fasi dell’esercitazioni antincendio, effettuate sul posto dal Nostromo 1°Maresciallo Enrico Alborino e dal personale della sezione Tecnica , il Maresciallo Giuseppe Morrone , il 2°C°Np Ivano Acanfora e il SC.Simeone Cascella.
Sul posto, oltre al personale della motonave in tenuta ed equipaggiamenti antincendio previsti e dei militari della Capitaneria di Porto anche le guardie ai Fuochi abilitate per coadiuvare i militari nell’estinzione dell’incendio (simulato).

SCENE DA FILM –  In pochi minuti, quindi, lo scenario del tranquillo porto di Pozzuoli, con turisti ed auto (pronti ad imbarcare, debitamente tenuti a distanza dalle forze dell’ordine accorse per tale esercitazione) , si è trasformato in una scena da film con sirene e lampeggianti spiegati e getti di acqua diretti contro le murate della Motonave “in fiamme” per simulare lo spegnimento dell’incendio. Nel “debriefing” finale svolto negli uffici della Capitaneria puteolana si sono tirate le somme dell’esercitazione, svoltasi con la massima speditezza ed efficacia, dando evidenza della capacità e del corretto addestramento del personale intervenuto.

CS