Le fiamme vicino al sito di trasbordo rifiuti

POZZUOLI – Mentre fuoco e fiamme devastavano ettari di vegetazione contaminata dai rifiuti che nel corso degli anni sono stati gettati indiscriminatamente, le sirene rompevano il silenzio di un caldo sabato di fine agosto e il fumo acre toglieva il respiro si è materializzato il ricordo di quella domenica di due anni fa quando una regia criminale mise a ferro e fuoco un intero quartiere. Fortunatamente, però, questa volta la portata degli incendi non è stata la stessa, così come i danni. Ma sette ore di fiamme, innescate quasi contemporaneamente in un’area ben circoscritta non lasciano dubbi sulla matrice: anche questa volta una mano criminale ha colpito nel quartiere di Monterusciello. I residenti hanno parlato di un folle, non nuovo a episodi di questo genere, che avrebbe appiccato il fuoco a più riprese.

L’incendio in via De Curtis

LA PAURA – I maggiori momenti di tensione si sono vissuti quando le fiamme hanno lambito alcuni bomboloni del gas vicino al palazzetto dello sport, una palazzina in via Libero Bovio e il nuovo sito di trasbordo rifiuti in via De Curtis. In quest’ultima circostanza quattro camion sono stati spostati in fretta e furia per evitare pericolosi inneschi. Il primo incendio è divampato poco dopo le 11 in via Monterusciello, nei pressi dell’ex mobilificio Fima. Le fiamme, anche a causa del forte vento, hanno interessato centinaia di metri di strada arrivando nei pressi di via Masullo. Inizialmente sembrava “poca cosa”, come hanno sostenuto i primi intervenuti sul posto, ma purtroppo non è stato così. Poco dopo, contestualmente, altri 4 roghi divampavano in altre aree, innescati in breve sequenza a pochi minuti di distanza, rendendo difficili le operazioni di spegnimento. Sul posto arrivavano Vigili del fuoco, Protezione Civile, carabinieri, Polizia Municipale e Forestali.

L’elicottero in azione nei pressi del palazzetto

ELICOTTERI E STRADE CHIUSE – A più riprese via Monterusciello e via De Curtis sono state chiuse e interdette al traffico veicolare a causa delle fiamme che hanno lambito le strade. Nel pomeriggio, quando il fuoco è arrivato a pochi metri dai bomboloni del gas, sono entrati in azione anche due elicotteri che per oltre un’ora hanno lavorato per spegnere gli incendi. Le operazioni sono state monitorate sul posto dal vicesindaco di Pozzuoli Fiorella Zabatta e dai consiglieri comunali Mariano Amirante e Mimmo Pennacchio che insieme a funzionari e tecnici del comune di Pozzuoli hanno dato manforte agli operatori per spegnere le fiamme nell’area circostante il PalaTrincone. La situazione è tornata alla normalità verso le 18. Da domani inizierà la conta dei danni e la programmazione per la bonifica.

INCENDI IN SERATA – Altri due roghi sono divampati nelle ore successive, quando tutto sembrava passato: il primo verso le 19.30, ancora una volta nei pressi dell’impianto sportivo. In questo caso si presume che le fiamme siano state innescate dalla presenza, nel sottobosco, di qualche piccolo focolaio non ancora spento. Più tardi invece, sempre nei pressi del sito di trasbordo di rifiuti in via De Curtis, verso le 22 un incendio ha costretto nuovamente vigili del fuoco, protezione civile e polizia municipale ad intervenire per domare le fiamme. Per tutta la notte una forte puzza di bruciato ha infestato l’intero quartiere.