Figliolia con la fascia tricolore

POZZUOLI – Dalle 17.23 di oggi 24 maggio 2012, Pozzuoli ha ufficialmente il suo Sindaco:  è Vincenzo Figliolia. La proclamazione è avvenuta in una biblioteca Toledo stracolma di cittadini dove la Commissione Elettorale Centrale ha definitivamente sancito il plebiscito che Figliolia aveva fatto registrare al primo turno delle elezioni del 6 e 7 maggio scorsi ottenendo 28.378 preferenze. Neo-sindaco che non ha saputo trattenere le lacrime quando, dopo quasi 7 anni, ha potuto nuovamente indossare la fascia tricolore di primo cittadino ricevendola dalle mani del Comandate dei Vigili Urbani, Carlo Pubblico, tra gli applausi dei presenti. In prima fila i genitori e la moglie visibilmente commossi. Assenti tutti i consiglieri dell’opposizione, presente invece l’unico eletto della lista dei Verdi, Paolo Tozzi, l’uomo della “discordia” che aveva infiammato la campagna elettorale e di fatto relegato anzitempo all’opposizione. Una fredda stretta di mano tra Figliolia e Tozzi conclusasi con un laconico “ci sentiamo dopo”. Che il tempo stia ricucendo lo “strappo”?

LE PRIME PAROLE DEL NEO-SINDACO –  «L’emozione è tanta e l’attenzione dei tanti cittadini qui presenti è un ulteriore prova della grande responsabilità che io Sindaco e i consiglieri tutti abbiamo nei confronti della città. Noto con piacere come la gente si stia nuovamente avvicinando alla cosa pubblica. Governerò con sobrietà e darò grande attenzione ai problemi della città che mi hanno fatto tremare i polsi». Queste le primissime parole del nuovo Sindaco di Pozzuoli che ha poi ringraziato pubblicamente il Commissario Straordinario, Ugo Mastrolitto, per il suo operato definendolo un uomo dello Stato e delle Istituzioni. Una netta rivalutazione quella operata da Figliolia che non esitò a criticarlo aspramente in seguito all’adozione del PUA rivendicando la titolarità tali competenze all’organo istituzionale quale è il consiglio comunale. Una rivalutazione che si è spinta ben oltre fino ad auspicare una forma di collaborazione proficua per il futuro. Tutta da interpretare la natura di tale collaborazione.

Il passaggio di consegne con il commissario Mastrolitto

GIUNTA COMUNALE  Figliolia che dopo le consuete foto di rito si è intrattenuto con la stampa. La domanda più ricorrente non poteva che essere la composizione della prossima giunta comunale a cui il neo-sindaco ha abilmente dribblato. Giunta che è pronta ma la cui riserva verrà sciolta solo dopo la proclamazione dei consiglieri eletti. Una giunta che è il frutto di una condivisione con tutte le forze politiche della coalizione, Verdi esclusi. Non è da escludere invece la presenza di qualche “assessore tecnico” in quanto la “città versa in condizioni disastrose e abbisogna di competenze anche indipendenti dai colori politici” ha sottolineato il Sindaco, che ha poi ribadito come ci sarà anche spazio anche per assessori donne, ma resta da capire se saranno presenti già in questa prima giunta.

MOVIDA E PARCHEGGI – E sulla questione Waterfront, Figliolia ha prontamente deviato la risposta sottolineando che in una tale situazione dove non funziona l’ordinario e quando c’è una “movida selvaggia” da regolamentare, il Waterfront non può rappresentare assolutamente una priorità. Il punto di partenza per combattere l’anarchia notturna sarà la riconferma dell’ordinanza n.23 del Commissario Mastrolitto, definita un buon atto, e che detta stringenti orari di esercizio per i locali della movida e per la somministrazione di alcolici. Figliolia che ha precisato però come vadano conciliate quelle che sono le esigenze dei cittadini con quelle economiche delle attività notturne, lasciando intendere l’apporto probabile di qualche modifica. Apertura del parcheggio multipiano dei Gerolomini, del terminal di via Vigna e del Molo Caligoliano queste le priorità per combattere il fenomeno della sosta selvaggia e per riportare la città alla normalità.

La sala gremita

RIONE TERRA – A breve ci sarà un incontro con il Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, per fare il punto della situazione sui restanti finanziamenti. La priorità resta la riappropriazione degli immobili già terminati ed il loro immediato utilizzo anche per evitare nuovi costi manutenzione, citando come punto di partenza la posizione comune che fu raggiunta in consiglio comunale tra maggioranza e opposizione riguardante le linee di indirizzo sulla gestione delle strutture già pronte.

DISCARICA AL CASTAGNARO – Figliolia che ha ribadito un secco no alla discarica al Castagnaro annunciando che presto si svolgerà un consiglio comunale nel sito della potenziale discarica. Un gesto che non vuole essere solo simbolico ma rappresentare “l’impegno formale” del Comune di Pozzuoli alla questione. Probabilmente sarà il terzo consiglio comunale a svolgersi nella cava del Castagnaro, in quanto in merito ai primi due consigli comunali sono stati rilasciati pareri negativi dal Segretario Generale, Mino Cossiga, poichè tanti saranno gli atti formali a cui adempiere tra i quali il giuramento e l’elezione del Presidente del Consiglio.

ALESSIO GAMBARDELLA
[email protected]

FOTO (di Angelo Greco)
[cronacaflegrea_slideshow]