POZZUOLI – Scattano due nuove sorveglianze speciali nei confronti di altrettanti personaggi legati ai clan Longobardi e Beneduce. Si tratta di Salvatore Gelso, 41 anni, e Raffaele Di Francia, 53 anni, detto “Lello ‘o pollo”, entrambi arrestati nel 2011 durante la maxi operazione “Penelope”. Nei confronti di Gesso la misura di prevenzione è scattata nella giornata di venerdì e prevede anche l’obbligo di soggiorno per tre anni nel comune di Pozzuoli. Il 41enne nel 2011 fu condannato a 8 anni di carcere poi diventati 9 anni e 4 mesi durante il processo di secondo grado. Dopo aver scontato la pena ora è scattata la misura per “pericolosità sociale” emessa emessa dalla sezione applicazioni delle misure di prevenzione del Tribunale di Napoli ed eseguita dai poliziotti del Commissariato di Pozzuoli.

ALTRO SORVEGLIATO – Stessa sorte è toccata nei giorni scorsi a Raffaele Di Francia detto “‘o pollo”, arrestato anch’egli nel giugno del 2010 durante “Penelope” che portò in carcere 84 affiliati. Di Francia, legato al clan di Gaetano Beneduce, fu condannato in primo grado a 11 anni di reclusione, pena poi ridotta in appello a 10 anni.