POZZUOLI – Un fil rouge romanzesco comune quello che unisce due regioni del nostro Belpaese: la Campania e la Sicilia. Atipica e caratterizzante la collaborazione meridionale nata per l’evento dedicato agli amanti della letteratura: il «Libro Fest» animerà, infatti, il territorio flegreo. Siamo già alla seconda edizione della kermesse – la prima venne proposta nel 2018 ad Ustica -, inoltre tale rappresentazione culturale si è concretizzata attraverso il protocollo d’intesa redatto da diversi organi fondamentali: «Lunaria Onlus A2-Villaggio Letterario», la «Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana», e il «Comune di Pozzuoli».

LA RASSEGNA – L’intero progetto è stato curato da Anna Russolillo, che ha dedicato la rassegna alla memoria del comandante Raimondo Bucher, il quale – durante gli anni 50’ del Secolo Breve – vide le meraviglie sommerse di Baia per la prima volta. Tre mesi e otto incontri allettanti, ed orientati alla riscoperta della magia della lettura e scrittura, similmente cercando di aprire nuove porte verso una coscienza alla cultura condivisa dalle future generazioni. I dibattiti, che si terranno durante gli otto appuntamenti, saranno intellettivamente stimolanti, non solo per gli autori d’eccezione, ma anche grazie alla presenza di colti relatori e rappresentanti.

GLI INCONTRI D’AUTORE – Svariati gli incontri da considerare e ricordare presso “Palazzo Toledo” e “Palazzo Migliaresi”: venerdì primo marzo ci sarà il saggista storico Carlo Ruta; il 22 marzo saranno presenti Sara Bilotti e Angelo Petrella; il 29 marzo con il simpatico “El Grinta”; il 7 aprile verrà il professionale Franco Andaloro (giornata dedicata ai bambini); l’8 aprile all’insegna dell’archeologia si presenterà il libro di Sebastiano Tusa; il 26 aprile la Settima Arte sarà raccontata dall’attore Massimiliano Buzzanca; il 3 maggio è il giorno della critica letteraria con il professore Massimo Onofri; e l’11 maggio gli scrittori Lucia Vincenti e Giuseppe Giacino concluderanno la kermesse.