La porta sul retro dalla quale sono entrati i rapinatori

POZZUOLI – Raid questa mattina all’ufficio postale di Piazza San Massimo, a Licola Borgo, dove due rapinatori armati con l’aiuto di un complice hanno portato via 25mila euro. La banda è entrata in azione alle 8 in punto, all’orario d’ingresso dei dipendenti. Uno dei rapinatori dopo aver atteso l’arrivo della direttrice, si è avvicinato alla donna prendendola di spalle, l’ha messa sotto a un braccio e l’ha condotta dentro senza mai farla voltare prima di calarsi il passamontagna e facendo da apripista al secondo rapinatore. A quel punto i due, sotto la minaccia delle pistole, hanno costretto la donna ad aprire la cassaforte aspettando i tempi tecnici per avere l’accesso al denaro.

L’ufficio postale di Licola Borgo

CONTATTO TELEFONICO – Durante la rapina i rapinatori sono rimasti in contatto con un complice che dall’esterno dell’ufficio postale li aggiornava sull’arrivo degli altri dipendenti che, una volta dentro, sono stati chiusi nel bagno dell’ufficio. Venti lunghi minuti durante i quali i malviventi sono riusciti ad impossessarsi di 23.800 euro in banconote e 1.500 euro in monete. Poi la fuga. Sul posto sono giunti i carabinieri della sezione operativa, del reparto radiomobile di Pozzuoli e della stazione di Licola che indagano sull’accaduto.