adele-campanelliPOZZUOLI – La Soprintendente Adele Campanelli è ufficialmente da oggi la direttrice del Parco archeologico dei Campi Flegrei. «A lei formulo i migliori auguri di buon lavoro, a nome della città di Pozzuoli, per costruire insieme la rete necessaria per far decollare la Città Flegrea – ha dichiarato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia – La dottoressa Campanelli è una figura di spicco nel mondo della cultura, scelta dal ministro Dario Franceschini da un’ampia rosa internazionale e già conosce il territorio flegreo in quanto Soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio dell’area metropolitana. Ho da due anni modo di lavorare con la dottoressa per i progetti riguardanti il nostro territorio, ed ho sempre trovato in lei una valida risposta e un’attenzione particolare per le vocazioni dei nostri luoghi. Sensibilità e lungimiranza caratterizzano le sue scelte. La sua elevata professionalità è il valore aggiunto del programma di rilancio del nostro patrimonio artistico e culturale. Con lei – ha aggiunto il primo cittadino – sono sicuro che porteremo avanti i tanti progetti per la rinascita del nostro patrimonio archeologico, artistico. Insieme, lei come Soprintendente ed io come sindaco, abbiamo lavorato per proporre al Ministero progetti importanti, tutti approvati. Con i soldi stanziati si andranno non soltanto ad eliminare i problemi esistenti, ma ad apportare modifiche importanti per cambiare completamente l’idea dei musei. Le aree archeologiche hanno bisogno di cambiare immagine, trasformandosi in luoghi di inclusione della città, di incontro degli stessi abitanti ed essere allo stesso tempo punti per conoscere e valorizzare la storia, la cultura. Insieme abbiamo lavorato per il riconoscimento del Parco archeologico, nuovo ente che rivoluzionerà il sistema monumentale flegreo, nel rispetto della sua autonomia museale. Adesso inizia una nuova fase – ha concluso il sindaco Figliolia – e si entra nel vivo delle riforme del ministro Franceschini, per valorizzare un patrimonio unico al mondo. Ci abbiamo creduto, ci crediamo e insieme trasformeremo il sogno in realtà».