La t-shirt con l'immagine di Michele indossata dagli amici

BACOLI/MONTE DI PROCIDA –  Ieri Bacoli e Monte di Procida erano un tutt’uno, una sola comunità stretta intorno al dolore dei familiari di Michele Silvestri. Una tragedia che ha colpito tutti. Il ricordo di quel giovane grande e grosso, il “Gigante buono” è ancora vivo in quanti lo hanno conosciuto, nei più anziani che lo ricordano da piccolo tra le strade di Cappella, e degli amici, che ieri indossavano la t-shirt la foto del suo viso. Michele da queste parti, tra le stradine di questo quartiere per metà bacolese e per l’altra metà montese ha lasciato il segno.

IL RICORDO CORRE IN RETE –  Un giovane educato, onesto, un gran lavoratore  che ricordano gli amici “Quando veniva in licenza dalle missioni si metteva a lavoro”. “Avevi 14 anni quando iniziasti a lavorare da mio padre, quanti sabati a lavorare insieme abbiamo passato e la tua simpatia contagiava chiunque ti si avvicinava, con la tua morte va via un pezzo della mia adolescenza. Ciao Michele bravo ragazzo e gran lavoratore anzi addio u rus’!” sono le parole di Enzo che sul social network Facebook  ricorda quando il sergente, all’età di 14 anni lavorava insieme al padre. Spirito di sacrificio che il 33enne sergente del Genio Guastatori aveva fin dall’adolescenza.

I fiori inviati dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

UNA PIAZZA PER IL “GIGANTE BUONO” –  Da queste parti giurano che mai dimenticheranno il loro “Gigante Buono” e che il suo ricordo dovrà essere indelebile. Ora gli amici, nella giornata di ieri hanno avviato, sempre sul social network, una petizione con la quale si chiede di dedicare una piazza o una strada a Michele. “Dedichiamo una strada/piazza a Michele Silvestri” è il nome della pagina che in pochi minuti ha ricevuto decine di iscrizioni. “Sergente Michele Silvestri del 21°Genio Guastatori di Caserta caduto sotto  il tiro di mortai nemici in Afghanistan. Per ricordarlo alle generazioni future in quanto noi non lo dimenticheremo mai”.  Iniziativa che sabato, a caldo, aveva anticipato anche il sindaco di Monte di Procida Francesco Paolo Iannuzzi  che insieme al sindaco di Bacoli Ermanno Schiano fin dalle prime ore dopo la notizia della tragedia hanno fatto la spola con l’abitazione del militare caduto.

CORDOGLIO DAL PD –  «Il suo sacrificio onora il nostro Paese e rappresenta il piu’ concreto e nobile esempio di impegno, a fianco di chi soffre e spera in un futuro migliore» è il messaggio del PD di Bacoli attraverso le parole di Francesco Macillo. «A nome del Coordinamento Area flegrea del Partito Democratico esprimiamo profondo cordoglio per la morte del sergente maggiore Michele Silvestri del 21° Genio Guastatori di Caserta e ci stringiamo alla giovane vedova Nunzia, a suo figlio, a tutti i parenti di Michele. La morte del sergente maggiore ci spezza il cuore, colmo di sentimenti di rispetto e stima verso i nostri militari impegnati in operazioni di pace in tutte le zone più pericolose del mondo. Ci piace ricordare Michele Silvestri come si definiscono i genieri: costruttori di pace. Michele era un costruttore di pace e in questo momento il nostro pensiero va alla famiglia straziata da questo immenso lutto» ha scritto ieri in una nota il Coordinatore Pd Pozzuoli e Area flegrea Vincenzo Figliolia.