LICOLA – E’ mistero sulla natura dell’animale trovato morto questa mattina sulla riva della spiaggia di Licola Mare, nel tratto che ricade nel comune di Giugliano. I resti sono in un avanzato stato di decomposizione che rendono difficile capire di che animale si tratti. Sul posto sono giunti i sanitari del dipartimento di prevenzione dell’Asl Napoli 2 Nord che hanno prelevato dei campioni per sottoporli ad analisi. Diverse sono le ipotesi formulate: potrebbe trattarsi di un grosso mammifero quale un cavallo o una mucca che già in passato sono finiti in mare dopo essere stati gettati nei vari canali della zona; oppure potrebbe trattarsi di un cetaceo, forse un balenotto morto nei giorni scorsi in mare e trascinato a riva dalle correnti; più inverosimile l’ipotesi secondo cui possa trattarsi addirittura di un calamaro gigante. I resti sono lunghi oltre due metri e mezzo. 

BAMBINI AL MARE – Intanto l’aria è stata infestata da una puzza insopportabile a cui si aggiunge la presenza di numerosi insetti: tutto ciò, però, non ha scoraggiato adulti e bambini che per l’intera giornata hanno continuato a fare il bagno a pochi metri di distanza. Sos dai residenti di via del Mare che chiedono una veloce rimozione del cadavere: «Ci hanno garantito che l’avrebbero tolto in giornata -racconta Melania Vicidomini, tra le prime a denunciare questa mattina la “strana” presenza- Qui ci sono bambini che fanno il bagno e la puzza è insopportabile. L’Asl questa mattina ci ha detto che potrebbe trattarsi perfino di un calamaro gigante, attirato dai pescatori. Comunque l’unica cosa che chiediamo in questo momento è che le autorità competenti lo vengano a rimuovere al più presto».