de gregorioCAMPI FLEGREI – Ancora momenti di tensione questa mattina tra i pendolari della Circumflegrea e il personale Eav. Un’aggressione questa mattina è andata in scena presso la stazione di Montesanto, a seguito dei soliti disagi che stanno esasperando chi quotidianamente usa le linee ferrate dell’Eav. A darne notizia è il presidente dell’Ente Autonomo Volturno Umberto de Gregorio che ha pubblicato un post nel gruppo di facebook “Quelli che aspettano cumana e circumflegrea”. Il presidente, nel raccontare i fatti, prova a distendere gli animi e a elogiare il personale che nessuna colpa ha rispetto alle immani difficoltà in cui è costretto a lavorare.

IL RACCONTO – “Ringraziamo i lavoratori EAV che con spirito di servizio affrontano situazioni di particolare disagio e sopportano anche aggressioni ed offese da parte dell’utenza, comprensibilmente esasperati.

I FATTI – Stamattina disponibili sulle linee flegree solo 9 treni. Sulla cumana il servizio è stato effettuato con 3 treni, sulla circumflegrea 6. Siamo riusciti a rendere disponibili solo due treni in doppia trazione. Conseguentemente i treni hanno viaggiato sovraffollati ed a Traiano un Viaggiatore è stato colto da malore. Il personale di scorta al treno si è adoperato per far scendere il viaggiatore affidandolo al personale di stazione che ha atteso l’arrivo dell’ambulanza. Si è generato così ulteriore ritardo e alla stazione successiva di Soccavo si sono avute serie difficoltà di imbarco. A Montesanto si è creata particolare tensione fra utenti comprensibilmente esasperati ed i lavoratori.

PROBLEMI ATAVICI Ringraziamo i lavoratori EAV che con spirito di servizio affrontano situazioni di particolare disagio e sopportano anche aggressioni ed offese da parte dell’utenza. Le responsabilità del disservizio attuale hanno origini lontane. Ci scusiamo con i nostri utenti, stiamo mettendo in essere interventi straordinari di manutenzione ai rotabili, in attesa del rinnovo dell’intero parco. Non abbiamo mai nascosto che l’ attuale situazione è critica e non di immediata soluzione. E tuttavia cerchiamo, pur nelle notevoli difficoltà esistenti, e grazie allo spirito di servizio dei macchinisti e capitreno, di assicurare il servizio. Abbiamo chiesto alla Regione Campania, socio unico di EAV, una particolare attenzione e risposte immediate per mitigare la grave crisi finanziaria che affligge l’azienda e che si ripercuote anche nella carenza di pezzi di ricambio ed efficiente manutenzione di un parco rotabile obsloleto.”