Volpini abbraccia Fabio La Pietra dopo il gol

POZZUOLI – Lo scroscio della pioggia, il fragoroso echeggiare dei tuoni, il sibilo fastidioso del vento, incessanti fino a questa mattina e che lasciavano presagire una partita di pallanuoto tra lanci lunghi, pozzanghere e gioco aereo, hanno invece graziato la domenica calcistica puteolana. C’era il sole al “Conte” in uno stadio “a porte chiuse”. Le due squadre in campo quest’oggi per la decima giornata del Campionato di Eccellenza, Puteolana 1902 e Frattese (rispettivamente seconda e terza in classifica), sono di quelle che annunciano spettacolo: e alla fine spettacolo è stato. Il manto erboso sembra aver assorbito alla perfezione la pioggia caduta, la palla rotola e la partita ha inizio. Squadre subito aggressive che si concedono ad un gioco maschio, poco sanzionato dall’arbitro Gresia da Piacenza. Frattese che affronta la compagine granata a testa alta, contrapponendo ordine, pressing e buona densità a centrocampo.

Fabio La Pietra nell’esultanza dopo il gol del 3-1

IL MURO DIFENSIVO – Lì davanti Grezio è il più temuto dei nero stellati con i suoi cinque gol segnati in stagione, ed è tenuto bene d’occhio dalla coppia centrale granata “Follera – Cassandro”. Decisivo il loro apporto a quest’avvio di stagione che riporta la Puteolana 1902 al primo posto in classifica per reti subite. Sono appena cinque infatti i gol incassati dai diavoli rossi in dieci giornate; un dato fondamentale che spiega inequivocabilmente la base degli otto risultati utili consecutivi raggiunti dagli uomini di Ciaramella. Ma la Frattese non ci sta al ruolo di comparsa, macina gioco e costringe la Puteolana sulla difensiva. Gli sforzi ospiti sono premiati al 34’ minuto di gioco: Claudio Costanzo pennella un cross preciso sul secondo palo sul quale si avventa per primo Simone Fontanarosa che sotto porta riesce ad indirizzare al volo in rete. Frattese in vantaggio; ma è un vantaggio che dura poco, serve solo a strigliare gli uomini in maglia granata che reagiscono come scossi da uno schiaffo in pieno viso.

a fine gara si festeggia

LA PARITA’ – La squadra ospite non riesce ad amministrare il vantaggio e cede all’avanzata flegrea. Palla a terra, Rinaldi amministra il gioco e gli esterni Sardo e Marseglia fanno capire di avere tutte le qualità per giocare in serie di maggior blasone. Al 42′ arriva il gol del pareggio: sugli sviluppi di un calcio piazzato, Rinaldi la mette tesa in area; Roberto Palumbo è l’uomo giusto al momento giusto: sfrutta l’assist, ringrazia ed esegue una girata in area di rigore, sulla quale Avino non può davvero nulla. 1-1. I Diavoli Rossi non sembrano accontentarsi, fiutano il momento di estrema difficoltà degli ospiti e si spingono in avanti. La Frattese si difende come può, ma al 46’ un traversone in area dalla sinistra trova defilato Paolo Sardo: Il numero due granata la controlla e con un destro a incrociare trafigge ancora l’estremo difensore nero stellato. Un gol di uno degli uomini simbolo di questa squadra, Paolo Sardo avrebbe mandato in visibilio i tifosi di casa: se solo avessero potuto assistere. Dunque neanche il tempo di riposizionare il pallone sul dischetto di centrocampo, che l’arbitro manda tutti a riposo.

PARTITA RIBALTATA – La ripresa si riapre come la prima frazione di gioco: Frattese che si porta in avanti, Puteolana che concede campo senza mai offrire occasioni concrete da gol agli ospiti. Da segnalare una sostituzione: per i granata entra Volpini al posto di Rinaldi. Un cambio avventato considerata la mole di gioco e la grinta mostrata in campo dal regista numero 4. Ma il Pocho Volpini incanta con i piedi di un’altra categoria ed una personalità probabilmente da modellare meglio col tempo. Al 35′ recupera palla sulla trequarti frattese e defilato sulla sinistra disegna un cross a centro area per La Pietra che trova tutti impreparati, tribuna stampa compresa; Fabio La Pietra si infila tra i due centrali e di testa fa 3-1 e chiude definitivamente la partita. Vedendo giocare La Pietra, Antignano e i due Portieri Di Mauro e Ferrara che quest’anno hanno letteralmente salvato il risultato in diverse occasioni, verrebbe da chiedersi: chi sono gli under della Puteolana 1902?

LE PAROLE DEL MISTER – Un match intenso e combattuto, risultato alla fine giusto come riconosce a fine partita Mister Ciaramella ai nostri microfoni «E’ stata una partita intensa. Loro sono un’ottima squadra e ci hanno messo in difficoltà per i primi 20 minuti di partita: venivano a prendersi palla tra le linee creando superiorità numerica e trovando spazi per le manovre offensive. Alla lunga siamo venuti fuori riuscendo ad esprimere il nostro gioco riuscendo a vincere meritatamente, per un risultato che avrebbe potuto essere anche più ampio a mio giudizio». Gli chiediamo quindi una parola sugli obiettivi di stagione ma il tecnico di Durazzano ci tiene a tenere calmi gli animi: «Dobbiamo pensare a giocare partita dopo partita. La squadra è solida ed ha un equilibrio ben delineato ma c’è tempo per giungere ai conti». Inevitabile un accenno al mercato in apertura a dicembre, mercato sul quale Andrea Ciaramella sembra non avere dubbi: «Ci sono squadre che hanno investito molto più di noi, il nostro obiettivo stagionale e riuscire in classifica ad inserirci in quella cerchia. E’ chiaro che a dicembre la società si muoverà senz’altro per completare la rosa ed aiutarci numericamente e qualitativamente ad affrontare al meglio questo proseguo di stagione». Puteolana che raggiunge così i 25 punti in classifica ed affronterà per la prossima giornata di campionato il San Giorgio 1926 reduce dalla sconfitta per 2-1 in casa della Sibilla.