POZZUOLI – Stadio finalmente aperto e pieno, spalti gremiti, un clima caldo e focoso hanno reso lo stadio Domenico Conte un inferno per il Marcianise che contro i “diavoli rossi” ha potuto opporre ben poca resistenza. Alla fine è finita 3-1 per i padroni di casa ma un risultato che avrebbe potuto mortificare ancora di più gli uomini di Angelo Valerio se i granata avessero concretizzato almeno la metà delle occasioni prodotte. A parte l’ormai celebre “poco cinismo” puteolano sotto porta, altra nota stonata quest’oggi è stato il manto erboso “irregolare” per certi versi pesante; sfera che in alcuni punti impediva i passaggi rasoterra, il gioco di prima rendendo macchinosi i controlli e aumentando ovviamente i tempi di gioco; limitando quindi, per quanto possibile, il gioco granata. Ma Rinaldi non è parso accorgersene ed a centrocampo ha fatto praticamente tutto ed in maniera egregia dall’impostazione all’interdizione; tutti i palloni passavano dai suoi piedi che come detto hanno creato gioco e dato profondità alla squadra.

DOMINIO – La Puteolana già in avvio sarebbe potuta passare in vantaggio con il capitano Follera al quale solo il palo nega la gioia del gol. Ma è questione di minuti: al 29’ il protagonista è il numero 9 Palumbo, bravo a raccogliere una ribattuta di Palmiero, entrato da poco al posto dell’infortunato Coppola, ad avventarsi sulla sfera e fare gol. Al 42’ minuto di gioco, a mettere la firma anzi le mani sull’incontro è ancora lui, il bomber, Roberto Palumbo che fa 2-0 su un cross di Panico e manda tutti a riposo. Ripresa che parte subito con il terzo gol dei puteolani nato da uno sfortunato autogol del bianco azzurro Colella. Sul finale non si contano le occasioni da gol degli uomini di Ciaramella, ma nessuna più finisce a referto. Al 90′ c’è gloria anche per il neo entrato nelle file del Marcianise “Perfetto”: dribbla un paio di difensori e di sinistro trafigge Di Mauro. La Puteolana è apparsa di un altro pianeta, organizzata e solida in difesa.

SERIE POSITIVA – Non è certo il modesto Marcianise ad offrirci i giusti termini di paragone; a splendere è un gioco corale, un volume di gioco che porta tanti uomini in area creando numerose occasioni da gol. La Puteolana, che con questa vittoria ha consolidato il secondo posto in classifica, adesso è attesa dalla difficile trasferta a Pomigliano, squadra attrezzatissima protagonista di un avvio non troppo all’altezza delle aspettative.