Mister Potenza ha finalmente l'imbarazzo della scelta

POZZUOLI – Calato il poker di risultati utili consecutivi la Puteolana domenica in quel di Nardò sarà alla ricerca del pokerissimo. Sulla carta quella in terra pugliese sarà poco più di una sgambata con il Nardò che dall’inizio del campionato gioca con la formazione juniores prendendo imbarcate a destra e manca, nemmeno l’ingresso in società del nuovo presidente in settimana dovrebbe cambiare lo stato dei fatti. Ma le gare vanno tutte giocate e vinte sul campo.

GAETANO MANCO – Il fattore di maggiore interesse nella gara di domenica sarà il ritorno in campo di Gaetano Manco, che grazie all’espulsione diretta rimediata nell’esordio contro il Gelbison ha saltato le successive tre gare. A Nardò Manco sarà in campo ed i tifosi puteolani sono ansiosi di vederlo all’opera in quello che, per il calciatore arrivato assieme a mister Potenza, ha tutta l’aria di essere un secondo esordio. Il ritorno in campo di Manco crea un po’ di “problemi” a mister Potenza che deve far quadrare gli equilibri raggiunti con il ritorno degli squalificati. Certa la presenza di Despucches tra i pali, dei due esterni di difesa D’Ascia e Carezza e del centrale Russo. Qui iniziano i ”grattacapi” certamente positivi, per Potenza che deve scegliere se riportare Salvati al centro della difesa o tenerlo in questa posizione, per ora vincente, di mediano. È questo il “nodo gordiano” della formazione granata, infatti con Salvati difensore (facendo tornare in panca Imbriaco), Napolitano verrebbe dirottato a fare coppia con Visciano a centrocampo e Manco e Fioretti sarebbero le ali a supporto di Pastore e De Lucia (quest’ultimo quasi obbligato a stare in campo per via della regola degli under). Se invece Potenza non vorrà rinunciare al Salvati centrocampista allora sarà panca per uno tra Napolitano e Manco, con il secondo che ha più possibilità di partire titolare.

IPOTESI TURN OVER – Da non scartare l’ipotesi “effetto Nardò”, con le poche velleità dei pugliesi che potrebbero consigliare Potenza di far riposare chi si è sacrificato di più nelle ultime gare. Giocatori come Visciano e Russo  potrebbero tirare un po’ il fiato e con lo stesso Pastore che potrebbe fare spazio a Manco o a Napolitano come seconda punta. Per la prima volta Potenza ha l’imbarazzo della scelta, scelte che inevitabilmente verranno fatte anche tenendo conto della pochezza degli avversari e dei prossimi incontri importantissimi che attendono i granata: prima al Conte arriva la capolista Marcianise poi si va in casa del Real Metapontino, per il classico scontro salvezza.

 

ANGELO GRECO