Il neo presidente Simeoli

POZZUOLI – Continua a provocare danni l’arbitraggio di domenica scorsa per la Puteolana 1902: dopo aver disputato la gara in 7 contro 11, sono arrivate come previste le 4 squalifiche ai giocatori granata. Resteranno appiedati per tre turni Russo e Pastore, per due Napolitano e per un solo turno Salvati. Ma a far gridare allo scandalo è il turno a porte chiuse inflitto per la prossima partita casalinga. A causare la squalifica le presunte intemperanze del pubblico durante la gara come lo scoppio di petardi ed i “calci e pugni” alle recinzioni. Oltre al danno anche la classica beffa: chi era allo stadio domenica non ha ravvisato alcun comportamento fuori luogo da parte del pubblico granata.

 

LA REAZIONE –  Un squalifica giudicata severa ed ingiusta dal neo presidente granata che sbotta «Sono sconcertato per l’eccessiva durezza di queste sanzioni – ha esclamato Nicola Simeoli –  Avevamo messo in conto le squalifiche dei calciatori espulsi, ma non ci aspettavamo affatto questa sanzione per il nostro campo. Una punizione che colpisce ingiustamente i nostri tifosi, che domenica hanno avuto un comportamento civile, nonostante il pessimo arbitraggio. Stiamo già studiando quali azioni intraprendere per tutelare la società e faremo di tutto per ottenere la disputa della prossima partita casalinga a porte aperte».

 

ANGGELO GRECO