Napolitano protagonista in negativo oggi

GROTTAGLIE – Manca ancora l’appuntamento con la vittoria la Puteolana 1902, che a Grottaglie mette fine alla serie di sconfitte consecutive. Sulle ambizioni di vittoria dei granata ha pesato, però, come un macigno, l’espulsione a 25′ dal termine di Napolitano. Positivi segnali di vita da parte della Puteolana che sabato prossimo non potrà più rimandare l’appuntamento con la vittoria.

 

IL PRIMO TEMPO – Ambrosino deve fare a meno del solo Signore che sconta la seconda delle due giornate di squalifica, recupera invece sia Alcolino che D’Ascia. Nonostante le buone condizioni fisiche Alcolino va in panca mentre D’Ascia si riprende la sua fascia di competenza. Esordio in granata per il giovane Carezza che si sistema sulla fascia opposta a quella di D’Ascia. La prima parte di frazione è a chiare tinte granata con gli avanti di Ambrosino che mettono in difficoltà la difesa dei padroni di casa. Nella seconda parte del primo tempo però il Grottaglie prende campo ed i granata soffrono con Despucches sempre attento quando viene chiamato in causa.

 

LA RIPRESA – Inizia con un buon piglio la Puteolana nel secondo tempo, con Siciliano e De Lucia che si rendono pericolosi. Al 65′ però la svolta della gara: Napolitano già ammonito fa un’entrataccia a metà campo, il direttore di gara non ha dubbi, rosso ed il capitano lascia i suoi in 10 per il finale di gara. La Puteolana prova a non scomporsi e a reggere l’impatto dei padroni di casa che forti della superiorità numerica provano a vincere la gara. Ma il forcing dei locali sta tutto in una conclusione ravvicinata dove è superbo Despucches. La Puteolana dal canto suo non disdegna qualche scorribanda offensiva per alleggerire la pressione, non certo asfissiante dei padroni di casa.

 

UN BRODINO – Un punto buono più per il morale che per la classifica, dopo tre gare la Puteolana è ancora a saldo negativo in classifica ma almeno riesce a mettere fine alla serie di sconfitte. Tra 6 giorni si ritorna al Conte e l’appuntamento con la vittoria non può essere più rimandato.

 

ANGELO GRECO