SPORTING NOLA – RIONE TERRA  1 – 1  

Ginestra e Mangiapia in azione

SPORTING NOLA: Mazzone 6,5, Ruoppo Marco 5,5, Liguori 6, Gonippo 6 (29’ st Marotta sv), Santaniello 6, Loppino 6, Ruoppo Francesco Saverio 6,5, Parisi 7, Foglia 7, Pellecchia 6,5 (39’ st Marotta sv), Napolitano 6 (45’ st Esposito sv). A disposizione: Tulimiero, Miele, De Pascali, Di Napoli. Allenatore: Pirozzi 6

RIONE TERRA: Grillo 6,5, De Felice 6, Mangiapia 7, Castaldo 6,5, Scuteri 6 (44’ st De Simone sv); Fortuna 6, Paesano 6,5, Mauriello 5,5, Ginestra 6, Mazzucchiello 5,5 (15’ st Conte 7), Quartulli 6,5 (35’ st Nasti sv). A disposizione: Muoio, Rocco, Valentino, Barone. Allenatore: Sanchez 7

Arbitro: Sepe di Frattamaggiore 6,5

Reti: 43’ st Foglia; 49’ st Mangiapia

Note: Ammoniti Ruppo Francesco e Ruoppo Marco dello Sporting Nola. Minuti di recupero: nessuno nel primo tempo, 4 nella seconda frazione di gioco. Spettatori: 200 circa. Al 1’ pt Ginestra fallisce un calcio di rigore. Al 23’ st espulso Mauriello per doppia ammonizione

NOLA –  Cuore Rione Terra.  Una girandola di emozioni, e  un gol per parte, è questo il responso di Sporting Nola-Rione Terra. Le due squadre sicuramente diranno la loro sino alla fine dei giochi, nel campionato di Prima Categoria, girone B, per quello che si è visto in campo. Inizia forte il Rione Terra: al primo minuto Raffaele Quartulli sfonda e conquista un netto calcio di rigore che il signor Sepe di Frattamaggiore decreta senza indugio. Ginestra spiazza il portiere ma la sfera sfila a lato per la gioia dei fedelissimi dello Sporting Nola che sostengono la squadra del cuore prima, durante, e dopo la sfida. A fine primo tempo la traversa dice di no al Nola, inoltre.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa il Rione Terra resta in dieci per il secondo giallo di giornata a Salvatore Mauriello. La partita tuttavia resta in equilibrio. Le due squadre non  si risparmiano perché vogliono entrambe conquistare l’intera posta in palio. Il pubblico apprezza, infatti.  Da una parte Grillo compie due parate importanti, dall’altra c’è il nuovo arrivato Amedeo Conte  che imperversa sul centrodestra d’attacco. Un suo tiro-cross è sventato egregiamente da Mazzone, al 38’ st.  Al 42’ st sui piedi di Ginestra c’è il match ball. Il nuovo capitano del Rione Terra, visto l’infortunio che ha fermato Felice Migliorato per la restante parte di stagione, disorienta avversari come birilli in area di rigore ma sbaglia la misura del tiro e il suo diagonale sfila a lato. Nell’azione successiva arriva la beffa per i flegrei: il colpo di testa di Foglia (una punta, del ’77, che in Prima Categoria dovrebbe fare la differenza) è perfetto, a battere Grillo. Il Rione Terra non molla, a questo punto. Il signor Sepe di Frattamaggiore, un arbitro che sicuramente farà strada, concede quattro minuti di recupero e per il Rione Terra  è il segnale giusto per dare il massimo sino al triplice fischio. Dai piedi di Ginestra così parte l’azione del pareggio. La punizione a giro in area di rigore è velenosa e deliziosa : De Felice spizzica e Mangiapia di prepotenza torna al gol, che mancava da un anno e mezzo. Un gol pesante che fa esplodere il popolo rioneterraneo. Il Rione Terra, insomma, ha dato segnali di crescita, nello spirito e nell’atteggiamento tattico, anche se mister Sanchez ha ancora tanto da lavorare.  Domenica intanto c’è la prima al Conte, di Arco Felice. Appuntamento alle ore 11: a Pozzuoli arriva l’arcigna compagine partenopea del Donguanella.