Il "Vezzuto - Marasco"

MONTE DI PROCIDA – Tra la voglia di ritornare alla vittoria del Rione Terra e quella di cancellare il “periodo no” di 3 sconfitte consecutive del Monte di Procida, ha la meglio quest’ultima. A vincere il primo storico derby in Promozione tra Monte di Procida e Rione Terra sono i padroni casa con un 3 – 1 che ben racconta la diversità di approccio mentale messo in campo dalle due squadre.

 

PRIMO TEMPO – Le formazioni di Illiano e Scamardella si presentavano al Marasco entrambi incerottate. Partono subito forte i padroni di casa che dopo appena 10′ passano con  un gran tiro di Barbella che da oltre 20 metri trafigge l’incolpevole Maione. Il Rione Terra pare molle sulle gambe e non riesce ad imbastire una reazione degna di questo nome, mentre i padroni di casa con ordine e disciplina mantengono bene le redini del gioco. Prima del raddoppio gialloblu, che arriva al 32′, grazie ad un’autorete di Stellato, ci vuole il miglior Maione per sventare una precisa punizione di De Luca.  Si va al riposo con i padroni di casa avanti di due reti e con i puteolani praticamente non pervenuti.

 

LA RIPRESA – Il secondo tempo inizia come si era conclusa la prima frazione di gioco ovvero con il Monte di Procida padrone del campo ed il Rione Terra che stenta a trovare una reazione. Sono i locali a rischiare più di una volta di segnare la terza rete con Maione abile in paio di occasioni a limitare i danni, mentre il forcing di del Rione Terra sta tutto in un palo colpito da Stellato in mischia. Al 60′ arriva la rete che chiude definitivamente la gara: De Luca calcia un piazzato dai 19 metri dritto all’incr0cio dei pali, Maione nulla può e deve capitolare per la terza volta. Nel finale c’è ancora spazio per la reazione di orgoglio del Rione Terra che all’80’ trova un rigore su Serio atterrato in area: alla massima punizione si aggiunge anche l’espulsione di Illiano. Ginestra glacialmente realizza è 3 – 1. Il Rione Terra prova con orgoglio a riaprire la gara ma sono ancora i padroni di casa in contropiede a sfiorare la quarta rete. Termina 3 – 1 per i padroni di casa che si aggiudicano meritatamente la vittoria.

 

ANGELO GRECO