Si prova l'ultimo scatto verso la salvezza ma è un tentativi disperato

POZZUOLI – Ultimi disperati tentavi di salvare il basket a Pozzuoli. Nel pomeriggio di oggi infatti sarebbe previsto un incontro tra il primo cittadino di Pozzuoli Vincenzo Figliolia e Fulvio Palumbo. Dopo mesi di silenzi l’amministrazione comunale, nella persona del suo massimo esponente, vuole vederci chiaro sull’addio di quello che nei nei fatti è il più alto momento di sport raggiunto a Pozzuoli. Durante l’incontro, che dovrebbe svolgersi nella giornata di oggi, probabile che il Comune di Pozzuoli possa presentare alcuni sponsor che possano affiancare Palumbo, difficile però che ciò basti per far cambiare idea al sodalizio puteolano, che vive una crisi di liquidità non colmabile con qualche partenariato di sponsor.

GLI SCENARI – Davvero difficile pensare che dalla riunione di oggi possa venir fuori una svolta nella storia della Pallacanestro Pozzuoli, l’iscrizione alla massima serie nazionale va completata entro il 9 luglio, ed è quasi impossibile che in 8 giorni possa cambiare lo scenario. I 20mila euro per l’iscrizione al campionato non sono certo il problema, quelli potrebbero essere trovati senza grosse difficoltà. Ciò che preoccupa veramente è il budget per compre un’intera stagione agonistica, senza la dovute garanzie Palumbo non iscriverà la squadra al torneo. Più probabile che quello di oggi sarà un incontro dove Palumbo metterà al corrente il primo cittadino sullo stato dei fatti e sugli scenari che da dopo la non iscrizione si aprono.

IL FUTURO – Pozzuoli dunque non dovrebbe iscriversi al campionato ma tutta l’attività agonistica di Palumbo certo non si fermerà. In primo luogo si investirà sulla C/2 maschile con una squadra che punti al salto di categoria, l’entusiasmo che i ragazzi hanno lo scorso anno hanno portato all’Errico ha convinto Palumbo a puntare dritto su di loro. Settore giovanile a parte, Palumbo non lascerà nemmeno la la pallacanestro femminile, infatti attraverso la Virtus (squadra che quest’anno ha militato in C) continuerebbe a tenere in vita una squadra, magari partecipando quest’anno al campionato di B (quarta categoria nazionale), in attesa di tempi migliori per ritornare su palcoscenici più prestigiosi.

 

ANGELO GRECO