BACOLI – In strada ormai non si parla d’altro. Con il servizio andato in onda l’altra notte su Rete 4 la città di Bacoli è balzata agli onori della cronaca per la piaga dell’abusivismo edilizio. Ma a far più discutere è il caso dell’agente di polizia municipale proprietario di un immobile “fuorilegge”. L’appartamento in cui risiede il dipendente dell’Ente di via Lungolago – stando a quanto emerso dall’inchiesta televisiva di “Quarta Repubblica”  – è abusivo perché costruito in un’area soggetta a vincoli. L’abitazione, in zona Torregaveta, non è stata mai condonata ed avrebbe subìto ampliamenti: da 4 a 6 vani.

Josi Gerardo Della Ragione

LA CONDANNA – «Da stamane, in sinergia con gli uffici e le forze dell’ordine, stiamo attivando ogni procedura finalizzata a fare chiarezza in merito alla denuncia giornalistica della trasmissione “Quarta Repubblica”. Un fatto grave su cui agiremo con fermezza, senza sconti – la condanna del neo sindaco di Bacoli, Josi Gerardo Della Ragione – . In primo luogo denunciando alle autorità giudiziarie competenti quanto emerso dal servizio, e impedendo il possibile perpetuarsi di illeciti, pronti a costituirci come parte offesa in rappresentanza dell’intera comunità. In secondo luogo, coscienti che la battaglia per la legalità in questo paese non può essere confinata alla sola repressione di un singolo episodio, abbiamo già attivato misure atte ad affrontare e risolvere il problema in modo strutturale. Bacoli purtroppo, senza ipocrisie, è stata anche questo: ma siamo convinti che può e debba cambiare. Lo dimostreremo con i fatti, insieme a tutti voi, attraverso una condotta amministrativa che punti allo sviluppo sostenibile del territorio, partendo da un nuovo corso segnato da giustizia sociale e legalità».